6 film sugli oceani per vivere la straordinarietà del mare

di Michele Costanzo 2

film sugli oceani
L’oceano è da sempre fonte di ispirazione per il cinema che spesso ha scelto questa cornice per descrivere le meraviglie del pineta o ambientare grandi e piccole storie. L’International Ocean Film Tour è un grande evento che coinvolge molti paesi europei e propone una selezione di film sugli oceani di tipo documentaristico che affrontano il tema dell’oceano da prospettive differenti.

International Ocean Film Tour volume 3

Giunto alla terza edizione, l’International Ocean Film Tour proporrà a partire dal 12 marzo una selezione di film sugli oceani in uno spettacolo che si annuncia suggestivo e coinvolgente. Sei diversi punti di vista in cui l’oceano è di volta in volta una sfida alle capacità umane, un luogo inaspettatamente ricco si suoni e rumori o l’habitat naturale dello squalo, la creatura marina che forse più ha catturato l’attenzione del grande schermo.

Ma l’International Ocean Film Tour volume 3 è anche un piccolo viaggio geografico tra le mille facce che il mare assume alle più diverse latitudini. Spazio quindi alle pericolose acqua tra la costa della Florida e l’isola di Cuba, al mare a largo della Tasmania che diventa una sfida per i windsurfer fino alle coste messicane paradiso per il surf.

6 nuovi film sugli oceani

Sei come dicevano sono i nuovi film sugli oceani inclusi nell’International Ocean Film Tour volume 3. Da brevi cortometraggi di pochi minuti, a documentari più estesi per circa due ore di intrattenimento incentrate su avventura, azione e vita del mare.

  • Sonic sea (USA 2016, Regia di Daniel Hinerfeld, durata: 22 minuti): Sonic sea è un documentario destinato a ribaltare radicalmente l’idea comune dell’oceano come un luogo di silenzio. Nelle immensità delle profondità marine si propagano costantemente suoni, ma solo una parte di questi è riconducibile all’ambiente marino ed ai suoi abitanti. Molto forte è infatti la presenza di una sorta di ‘inquinamento sonoro’ generato dall’attività dell’uomo che scandaglia l’oceano con sonar e lo trasforma nel teatro dei propri esperimenti. Un nemico invisibile per i grandi mammiferi come le balene che ben prima dell’uomo hanno utilizzato i mari come mezzo per di comunicazione.
  • View from a Blue Moon (USA 2015, Regia di John Florence e Blake Kueni, durata: 12 minuti): View from a Blue Moon racconta la vicenda umana e sportiva di John Florence, surfista nato nelle Hawaii e divenuto uno dei più grandi interpreti di questa disciplina. Un viaggio nel mondo del surf e del rapporto tra gli atleti ed il mare in alcuni dei luoghi più suggestivi del mondo, dalle coste dell’Oceano Pacifico sino al Sud Africa.
  • My Own Private Monster (Australia 2016, Regia di George Opadchy, durata: 20 minuti): Il tema dell’avventura sull’oceano ritorna anche in My Own Private Monster, documentario girato 26 km a largo delle coste della Tasmania in prossimità delle rocce di Pedra Branca. Qui le acque creano onde scure, alte e minacciose che rappresentano una delle sfide più impervie per il windsurf. In questo scenario naturale si muove Alastair McLeod, windsurfer intenzionato a spingersi dove finora nessuno è mai arrivato.
  • Hola Sunshine (Stati Uniti e Messico, Regia di Leila Hurst, durata: 4 minuti): Tra i film sugli oceani di questa rassegna Hola Sunshine è tra i più luminosi per ambientazione e colori. Il breve documentario racconta la località di Salina Cruz in Messico dove un territorio desertico incontra l’Oceano Pacifico lungo una suggestiva costa di 130 km. Un quadro fatti di colori intensi che si trasforma un paradiso del surf ed in un inno alla vita.
  • The Edge (USA 2015, Regia di Carlos Andres Toro, durata: 5 minuti): Con The Edge protagonista diventa lo squalo. Il cortometraggio racconta della passione di Joe Romeiro e Bill Fisher per questa straordinaria creatura dei mari. L’attenzione è in particolare puntata sulle situazioni di pericolo in cui si trovano molte popolazioni di squali e sul rischio di estensione di alcune specie.
  • The other shore (USA 2013, Regia di Thimothy Weeler, durata: 52 minuti): The other shore è il più lungo dei 6 film sugli oceani della rassegna International Ocean Film Tour volume 3. Protagonista dell’opera è Diana Nyad prima persona al mondo ad attraversare a nuoto nel 2013 le acque tra Cuba e la Florida. Una impresa straordinaria che ha richiesto 53 ore ed ha avuto come teatro acque insidiose e talvolta ostili.

Le date italiane

La prima assoluta dell’International Ocean Film Tour volume 3 è in calendario ad Amburgo il 12 marzo 2016. Sono quindi previsti eventi in circa 80 città di 10 paesi Europei. In Italia sono in programma tre eventi a Genova, Torino e Milano tutti in calendario nel mese di aprile:

  • Il 16 aprile 2016 a Genova presso il Teatro della Gioventù (Ore 20:30).
  • Il 17 aprile 2016 a Torino presso il Cinema Ambrosio (Ore 21:00).
  • Il 18 aprile 2016 a Milano presso il Cinema Orfeo Multisala (Ore 20:30).

Informazioni aggiornate sono disponibili sul sito dell’iniziativa.

Photo | Thinkstock

Commenti (2)

  1. Hi there, You have done an incredible job. I’ll definitely digg it and personally
    recommend to my friends. I’m confident they will
    be benefited from this site.

    My page :: ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>