Ambiente e CO2, da marzo 600 milioni di euro per ridurre emissioni

di Valentina Ierrobino 3

600 milioni di euro saranno disponibili dal mese di marzo per piccole e medie imprese, privati ed enti pubblici, che si impegneranno ad abbassare le emissioni di CO2. A riferirlo è una nota del Ministero dell’Ambiente, su quanto prevede il fondo rotativo di Kyoto, illustrato questa mattina a Roma dal ministro Corrado Clini nel convegno “Il patto dei sindaci dopo Durban”.
Gli investimenti per ridurre le emissioni di anidride carbonica e migliorare la qualità dell’aria, e della vita, prevedono un finanziamento a tasso agevolato dello 0,5%. Verranno distribuiti dal prossimo mese per sostenere pubblici e privati che vogliono fare qualcosa per l’ambiente.

Il fondo verrà erogato dalla Cassa Depositi e Prestiti e, come ha spiegato questa mattina il ministro Corrado Clini

Permette di investire in tecnologie e in sistemi per l’efficienza energetica

e, nello specifico, potrà essere impiegato

micro-trigenerazione, elettricità, calore e fresco.

Potranno usufruire del fondo europeo per la riduzione delle emissioni Università, ospedali, condomini o piccole o medie imprese. Gli investimenti faranno aumentare l’efficienza energetica del nostro Paese dal 40 all’80%. Il ritorno dell’investimento per chi utilizzerà i fondi è stimato in 36-48 mesi. Quindi chiunque volesse investire nelle tecnologie verdi per ridurre le emissioni inquinanti troverà un beneficio economico nel giro di 3-4 anni, risparmiando nel frattempo nelle spese per l’energia e nell’abbattimento dei costi di riqualificazione e miglioramento energetico. Il ministro dell’ambiente Clini parla di

un meccanismo virtuoso che mette a disposizione liquidità e che si autoalimenta perché viene restituito.

Difatti l’Unione europea prevede che il 50% delle entrate venga riutilizzato per nuovi finanziamenti verdi a fine 2012. Nel nostro Paese, come si è appreso ultimamente, gli investimenti per le tecnologie a basso impatto ambientale non sono molto decollate e certamente la possibilità di ottenere finanziamenti a tassi agevolati potrebbe essere un’ottima possibilità per rimodernare le filiere, ridurre e risparmiare per l’ambiente.

[Fonte e foto: Ministero dell’Ambiente]

Commenti (3)

  1. Hi! Do you use Twitter? I’d like to follow you if that would be okay.
    I’m undoubtedly enjoying your blog and look forward to new posts.

    Stop by my web-site; ig

Lascia un commento a Floy Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>