Alle 14.30 l’appuntamento per seguire e commentare gli Exit Pool!

di Redazione 4

resized_400x248_partiti_20080309.jpg
50 milioni di italiani al voto, 630 seggi alla Camera e 315 al Senato da assegnare, decine di province e comuni da ripartire. Ecco in breve i numeri che oggi interessano gli italiani, e che interessano noi di PoliticaLive.
Si, perchè oggi, per l’occasione, proprio su PoliticaLive, abbiamo organizzato un EVENTO LIVE dove condividere dati, impressioni, critiche, commenti, immagini e video su uno dei giorni più importanti della Storia italiana, quello che potrebbe rappresentare la svolta per il Belpaese, stanco e fermo da anni, troppi.

Alle 14.30, vi attendiamo numerosi su PoliticaLive, dove per ore cercheremo di aggiornarvi, di comunicarvi in tempo reale gli esiti degli exit pools, dove faremo a nostra volta sondaggi, e dove il vostro parere sarà fondamentale, ed ogni spunto gradito.

E tu, per chi hai votato?

Commenti (4)

  1. NESSUNO…ho persino strappato la tessera elettorale !

  2. misure drastiche, caro nexso, a quanto vedo! Cmq nemmeno io sono andata a votare, ho 23 anni ed una completa sfiducia in qualsiasi partito politico. Questo può essere criticato, perchè oggi vale la filosofia del “vota il meno peggio”. credo anch’io che votare sia un diritto, e penso di aver sbagliato a non andarci. Ma non ce l’ho fatta. Il disgusto me lo ha impedito.
    Ho letto alcuni articoli del NY Times, del Times, di Le Figaro in questi giorni. Ci considerano dei pagliacci. E finchè metteranno gli stessi nomi su quelle schede, non credo tornerò ad avere fiducia nella classe politica italiana.

  3. … e come al solito abbiamo scelto il peggio del peggio. Parliamo tanto di ambiente, natura, ecc ecc e poi facciamo vincere del gente del genere. Non bisognava votare turandosi il naso. Bisognava votare per provare a cambiare. Se la politica è lontana dalle nostre esigenze, è anche perché noi abbiamo lasciato fare per anni, prima con la DC, poi quand’è spuntato questo “fenomeno da baraccone”, che ci ha resi ridicoli di fronte al resto del mondo per un decennio e mezzo. Parla di rinnovamento, di facce nuove, ma com’è che da anni è sempre lui il candidato premier? E la gente va a votarlo e si scandalizza delle raccomandazioni e punta il dito sugli errori altrui. Ma Berlusconi, Lombardo e compagnia brutta non rappresentano altre che questo mondo che siamo tutti bravi a criticare. Le mafie di qua e di là. E’ la stessa cosa. Tutti siamo bravi a parole, ma poi con l’unico fatto che la democrazia ci dà la possibilità di sfruttare, ci fottiamo con le nostre mani.

    E non rompete le scatole, lamentandovi nelle piazze, voi che non avete votato, voi che non avete il coraggio almeno di esercitare un diritto, perché ve lo piangerete soprattutto voi.

  4. no, non mi lamenterò nelle piazze, sinceramente non ho votato perchè vivo lontana da casa e avrei fatto tanti km per mettere scheda bianca, se una persona non si sente rappresentata caro Fabrizio, non vota. Il voto non si mette a caso, al meno peggio… appunto perchè penso che siano tutti uguali, sia a destra che a sinistra, non voto. Anche questo credo sia un mio diritto. D’altta parte, votare oggi è come giocare a Scarabeo e avere a disposizione sempre e stesse lettere, cambiano le combinazioni, ma le lettere sono quelle.
    Cosa si poteva cambiare votando Veltroni, solo per andare contro Berlusconi? Non lo trovo intelligente, è come mettere una x a caso. Siamo ridotti a scegliere il male minore, ma è tutta una pagliacciata. Io i programmi dei partiti li ho letti tutti, prova a chiedere a molti di quelli che hanno votato se lo hanno fatto, non sanno che berlusconi voterà per il nucleare, per le grandi opere, per consolidare sempre più il precariato. E che considera l’ambiente come un “servizio ai cittadini”… il Sud ha votato a destra, ha votato l’alleato di Bossi, se questo non è il Paese delle contraddizioni… non andare a votare per non essere costretta a votare quelle facce, che manderanno al Parlamento pregiudicati a mio nome, perchè poi diventeranno i miei rappresentanti, è un diritto più che sacrosanto. Il diritto di non appoggiare questa politica corrotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>