Animali estinti ritornati in vita, è la volta del rospo nano Kandyan

di Marco Mancini Commenta

animali estinti ritornati in vita rospo nano kandyanCapita spesso che i biologi prendano delle cantonate e diano per spacciate alcune specie, ma per fortuna la vita è più forte di tutto e delle volte alcuni animali ritenuti estinti ritornano dal mondo dei morti. E’ il caso del rospo nano Kandyan, una rarissima specie di anfibio che viveva solo nello Sri Lanka che non veniva avvistato dal lontano 1872. L’IUCN ormai aveva perso le speranze di rivederlo e così lo inserì nel lungo elenco delle specie estinte.

Ma la storia di questo animale era destinata a cambiare. Nel 2009 il naturalista LJ Mendis Wickramasinghe che collaborava con la Fondazione Erpetologica dello Sri Lanka aveva effettuato una sessione notturna nel santuario Peak Wilderness. Durante la sua permanenza nella foresta, nei pressi di un ruscello, si è imbattuto in quattro esemplari di una specie che non aveva mai visto, così ha cominciato ad effettuare le rilevazioni tassonomiche di rito.

Lì per lì il suo pensiero è stato che questi esemplari fossero tra i primi di una specie di rospo evoluta nella specie Adenomus dasi, anche se il dubbio di cosa effettivamente si trattasse cominciò ad insinuarglisi. Dopo aver portato in laboratorio tutti i dati, Mendis si rese conto che si trattava del rospo nano Kandyan (Adenomus kandianus), una specie che non veniva individuata da quasi 140 anni. Così sono state avviate le pratiche per la cancellazione dalla lista delle specie estinte ed ora è ufficialmente ancora in vita.

Purtroppo però non si può essere troppo euforici. Seppur si tratti di una buona notizia che una specie ritenuta estinta in realtà esista ancora, secondo lo scienziato il rospo nano Kandyan è da iscrivere nella Lista Rossa dell’IUCN tra le specie in pericolo critico. Per lui infatti quei quattro esemplari avvistati quella notte non sono altro che quei pochi ultimi superstiti della loro specie, e bisogna fare di tutto affinché riescano a sopravvivere. La buona notizia in tutto questo è che molto probabilmente, viste le scoperte degli ultimi anni, può darsi che non tutte le specie ritenute estinte lo siano veramente.

[Fonte e foto: Ecorazzi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>