Arriva in Italia Current Tv di Al Gore, sul canale 130 della piattaforma Sky, la televisione che fate voi!

di Marco Mancini 1

al-gore-current-tv.jpg

La notizia sta rimbalzando da un blog all’altro. Cari bloggers, dall’8 maggio potreste diventare tutti giornalisti. Arriva Al Gore a Milano per aprire una nuova televisione satellitare dedicata all’ecologia e non solo. E stavolta stop ai giornalisti professionisti, gli asserviti al potere o coloro che, per coprire i padroni che li pagano, mettono a tacere i guai (soprattutto ambientali) che danneggiano centinaia di migliaia di cittadini. D’ora in avanti l’informazione verrà dal basso.

Al grido di “Tu fai la notizia” (lo slogan originale era “You make the news“), apre in Italia Current Tv, sul canale 130 della piattaforma Sky. L’editore sarà Al Gore, ex candidato alla Casa Bianca per i Democratici nel primo mandato del dopo Clinton. Allora Gore perse contro Bush, ma se avesse usato le armi che sta usando in questi ultimi anni, probabilmente avrebbe vinto a mani basse.


Il Canale avrà sede a Milano. L’Italia è stata scelta come primo paese di lingua non anglosassone, forse per la forza di volontà e la fantasia degli italiani, riconosciuta in tutto il mondo. Fantasia che soprattutto i blogger hanno, ed è quello su cui punta proprio Al Gore, che ha in mente un mix tra tv e internet, dove le notizie le faranno gli spettatori, che invieranno i loro contributi alla tv direttamente e senza censura. Dichiaratamente il VC2 (creazione della comunità di internauti) sarà il 30% della programmazione, e avrà un target di circa 4 milioni e mezzo di famiglie. I compensi per chi manda i filmati andranno dai 200 ai 1000 dollari, a seconda della lunghezza e della qualità.

La presentazione del canale avverrà l’8 maggio, data di inizio delle trasmissioni, al Teatro Ambra Jovinelli di Roma, presieduta dallo stesso Al Gore e dal direttore di Sky Tg24, Emilio Carelli, davanti ad un pubblico composto da internauti e blogger potenziali protagonisti di un progetto che, come dicevano, vede nell’informazione di strada la colonna portante dei propri palinsesti.
Direttore del canale è Tommaso Tessarolo, già consulente Mediaset e ideatore del progetto sperimentale N3TV, che avrà il compito di far raggiungere anche in Italia lo stesso successo che Current Tv ha avuto negli Stati Uniti. La vera rivoluzione sta nel fatto che, cosa strana per l’Italia, quella sarà l’ultima apparizione di Al Gore, in quanto, al contrario di quello che avviene in Italia, non apparirà mai all’interno della sua tv, per non influenzare i palinsesti e renderla il più libera possibile. Inoltre tra USA, Inghilterra e Irlanda, ha solo 400 dipendenti, cosa che fa capire il grado di libertà di espressione del pubblico. A Milano saranno solo 30.

Ma la tv non si occuperà solo di ecologia, ma anche di svariati temi, soprattutto vicini al mondo dei giovani. Così troveremo servizi sulla musica, sulla moda, sulla politica e documentari, sia in televisione che su internet, direttamente da questo sito. Già i primi risultati sono arrivati. La tv in America esiste da soli due anni e mezzo, ma già ha vinto un Emmy (gli Oscar della tv americana). E allora che state aspettando, prendete la telecamera e cominciate a produrre qualcosa.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>