Bangladesh: quest’anno introdurrà la carbon tax

di AnnaMaria Commenta

Il Bangladesh è ancora una nazione estremamente povera ma molto esposta agli effetti dannosi del riscaldamento globale. Ed è proprio per contrastare i drammatici effetti del cambiamento climatico che quest’anno il Bangladesh adotterà la carbon tax, una tassa sulle emissioni di carbonio nell’atmosfera.

> CARBON TAX, PREMIARE I VIRTUOSI E PENALIZZARE CHI INQUINA

Il governo di Dacca si è infatti impegnato a mettere l’imposta entro giugno, nel bilancio di previsione per l’anno fiscale 2017-18.La tassa imporrà alle aziende energetiche e manifatturiere che producono gas serra come anidride carbonica e metano, di pagare il prezzo per questo inquinamento. Obiettivo: invogliare le aziende a ridurre le loro emissioni in modo da pagare meno.

> FRANCIA: BOCCIATA LA CARBON TAX

In tanti si sono detti contrari alla carbon tax, considerata un grosso freno per l’economia già debole del Paese, perchè in realtà aumenterebbe i costi per le aziende. Ed è sempre per questo motivo che i paesi in via di sviluppo – ma per la verità anche l’Occidente industrializzato – tendono ad essere contrari a tasse di questo tipo.

> CARBON TAX, RISOLLEVARE L’ECONOMIA TAGLIANDO LE EMISSIONI

In Bangladesh però il riscaldamento globale ha già effetti terribili: negli ultimi ani infatti sono aumentate di molto le inondazioni e si è innalzato il livello del mare. Ed è di oggi la pubblicazione del rapporto “Green Technology Choices” dell’International Resource Panel, un gruppo di esperti del Programma Onu per l’Ambiente (Unep), secondo il quale le  tecnologie “verdi” per la produzione elettrica e l’efficienza energetica possono consentire di evitare emissioni per 25 miliardi di tonnellate all’anno di gas serra entro il 2050. E se l’accordo di Parigi fosse rispettato si riuscirebbe a contenere l’aumento della temperatura entro i 2 gradi centigradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>