Buone notizie per il cetaceo vaquita: misure d’emergenza per la sua protezione

di AnnaMaria Commenta

A conclusione della Giornata Mondiale degli Oceani una buona notizia rasserena gli ambientalisti: il Messico ha sottoscritto un accorto con la Fondazione Leonardo Di Caprio e la Fondazione Carlos Slim per l’adozione di misure di emergenza per la salvezza e la conservazione del rarissimo cetaceo vaquita, che purtroppo conta appena 30 esemplari rimasti in tutto il conto.

Il WWF, che ha annunciato l’accordo, lo definisce un notevole passo avanti nella lotta per la salvaguardia di questa specie che oramai è giunta ad un momento drammatico della sua storia e potrebbe arrivare al punto di non ritorno dell’estinzione.

> IL CETACEO VAQUITA RISCHIA L’ESTINZIONE: SOLO 30 ESEMPLARI IN TUTTO IL MONDO

La vaquita, nota anche con il nome di focena del Golfo della California, è un piccolo mammifero marino lsimile ad un delfino, ed è una vittima delle cosiddette “catture accidentali” da parte dei pescatori occupati nella pesca illegale dei totoaba, altra specie fortemente minacciata. Di recente anche la marina americana aveva progettato di utilizzare dei delfini addestrati per la localizzazione di mine sottomarine e ordigni che i pescatori di frodo utilizzano per catturare questi animali.

> LE 10 SPECIE ANIMALI PIU’ IN PERICOLO D’ESTINZIONE

Oggi un altro passo avanti: l’accordo siglato dal Messico prevede il divieto permanente di utilizzo delle reti da posta – pericolosissime per i vaquita – e il e il recupero di tutte le reti “fantasma” abbandonate, insieme allo sviluppo di nuove tecniche di pesca che consentano alla popolazione locale di fare una pesca legale e sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>