Caldo Record, bollino rosso fino a mercoledì in 7 città italiane

di AnnaMaria Commenta

Caldo record questa settimana nel nostro Paese. Bollino rosso fino a mercoledì in 7 città italiane, quando se ne aggiungeranno altre due. Sono i dati, bollenti èè il caso di dirlo, del Ministero dell Salute che ha segnalato le zone più a rischio e sulle quali c’è massima allerta. Si tratta di Ancona, Cagliari, Campobasso, Frosinone, Latina, Perugia e Pescara, alle quali mercoledi’ si aggiungeranno Roma e Rieti.

AMBIENTE TRA CALDO RECORD E INONDAZIONI, LA CAUSA SONO TRE ANTICICLONI

A metà settimana l’Italia si dividerà in due. A Sud caldo africano che raggiungerà il picco mentre al Nord sono attese le piogge che almeno per un po’ dovrebbero attenuare il grande caldo. La perturbazione è attesa tra mercoledì e giovedì e secondo i metereologi porterà piogge e temporali, talora anche forti, ancora una volta al Nord e poi anche al Centro. Le precipitazioni daranno un sollievo alla siccità di questi giorni, che ha causato l’abbassamento delle risorse idriche di mote città italiane, seppur senza risolverla.

> LA PRIMAVERA 2017 E’ STATA LA SECONDA PIU’ CALDA DAL 1800

Secondo l’European Drought Observatory, attraverso l’indice LDI (Likelihood of Drought Impact), che unisce ai dati relativi al grado di siccità anche l’impatto e la vulnerabilità della popolazione che vive nelle zone interessate, gli effetti del caldo anomali saranno evidenti per almeno 37 milioni italiani.

> GEOLOGI: IN ITALIA ANDIAMO VERSO LA DESERTIFICAZIONE

Il 61% del territorio italiano infatti subisce impatti deboli della siccità (livello giallo), mentre oltre 4.500.000 italiani subisce ricadute di grado medio (arancione). E se al Nord la siccità potrebbe temporaneamente essere arginata dalle piogge previste per i prossimi giorni, a Sud invece il problema non potrà che acuirsi, visto che le precipitazioni saranno scarse o assenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>