In Cina una nuova centrale a energia solare a forma di panda

di AnnaMaria Commenta

La Cina è molto avanti rispetto allo sviluppo delle energie rinnovabili e si trova proprio qui uno dei parchi solari più grandi del mondo, il Panda Green Energy Group Limited. Si tratta della prima centrale di produzione di energia solare nella provincia del Datong Shanxi connessa alla rete (grid-connected). La sua caratteristica più originale è la sua forma, si tratta infatti di una solar farm che raffigura un panda e che rende la centrale una delle più originali del mondo.

Lo stravagante progetto per la costruzione di Panda Power Plant era stato lanciato nel maggio del 2016 ma solo il 1° settembre scorso Panda Green Energy Group ha firmato un accordo di cooperazione con il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite. Nello stesso anno, il 20 novembre, è iniziata ufficialmente la costruzione di Datong Panda Power Plant. La nuova centrale ha una capacità di installazione totale di 100 megawatt, ma durante la prima fase offrirà 50 megawatt (MW) di energia pulita alla rete.

LA CENTRALE SOLARE PIU’ POTENTE DEL MONDO DA’ PIU’ ENERGIA DEL PREVISTO

Le parti nere del panda, ovvero le orecchie e le braccia, sono composte da celle solari in silicio monocristallino, mentre la pancia grigia e bianca e il viso sono composti da celle solari a film sottile.

CENTRALE SOLARE

La centrale solare riuscirà a fornire energia elettrica pulita ma l’obiettivo del futuro è realizzare una serie di istallazioni lungo la nuova via della seta, e poi utilizzare questa particolare centrale elettrica per diffondere le pratiche di sviluppo sostenibile tra i giovani della Cina. Al suo interno infatti ci sarà un centro di attività giovanile destinato ai ragazzi in età scolastica, che potranno così imparare i vantaggi dell’energia solare.

ENERGIA SOLARE IN AUMENTO TRA GLI ITALIANI

Le centrali elettriche Panda Power Plants saranno in grado di offrire 3,2 miliardi di chilowattora di potenza verde in 25 anni, risparmiando 1.056 milioni di tonnellate di carbone e riducendo le emissioni di carbonio di 2,74 milioni di tonnellate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>