Effetto serra: un fenomeno da scoprire

di Daniela L. 8

_tree.jpg

Navigando per la rete scovo un vecchio articolo sul sito del “il sole 24 ore” che ci presenta uno dei più chiacchierati fenomeni naturali: l’effetto serra.

Spesso ne sentiamo parlare, e forse abbiamo ormai abbinato a queste due parole un pensiero negativo, di preoccupazione e deterioramento ma sappiamo molto poco su questo fenomeno e ci fermiamo quasi sempre al solo sentito dire prevalentemente con accento negativo.


Questo fenomeno che sembra non esserci mai stato, in realtà è da sempre presente sulla terra e dal suo manifestarsi deriva anche la nostra possibilità di avere sul pianeta una temperatura vivibile infatti senza l’effetto serra la temperatura del globo sarebbe ben più fredda, almeno 30 gradi in meno, che vorrebbe dire avere una temperatura media terrestre intorno ai -18 gradi.

L’aumento della temperatura dato dall’effetto serra viene però influenzato dalla costante presenza dei gas nell’atmosfera, le eccessive quantità di metano, anidride carbonica e il sempre presente vapore acqueo, se da una parte filtrando i raggi solari, impediscono il giungere a noi degli agenti nocivi del sole, rendendoci più vivibile la vita, dall’altro ostacolano la completa dispersione delle radiazioni infrarosse nello spazio creando una sorta di rimbalzo dei raggi solari che viene a dar vita al cosiddetto effetto serra.

L’incremento più forte di questo effetto è dato dalla grossa percentuale di anidride carbonica, l’80% della quale deriva dalla combustione del petrolio oltre che del carbone e del metano. A questo che possiamo definire come essere l’effetto serra di origine umana, si aggiunge il continuo aumento del calore emesso dal Sole, che legato a periodi in cui la turbolenza del vento solare è maggiore, porta celermente un aumento del riscaldamento del nostro Pianeta.

I calcoli degli esperti ci dicono che nei prossimi 30-40 anni la temperatura del la terra possa quindi aumentare di 2 gradi centri gadi, che a noi possono sembrare molto pochi in effetti, ma che in realtà possono provocare dapprima una estensione delle zone di aridità, fino all’innalzamento del livello del mare variabile dai 70 ai 150 cm in seguito allo scioglimento dei ghiacci e dei cambiamenti climatici.

L’effetto serra rimane un fenomeno molto complesso e ad oggi possiamo vederne un rimedio nella riduzione dell’uso di combustibili fossili (petrolio, gas, carbone) e nell’incrementare le nostre foreste e quindi la superficie dedicata alle piante dove, grazie al processo della fotosintesi clorofilliana, l’anidride carbonica viene assorbita e di conseguenza distrutta.

Commenti (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>