Emergenza rifiuti a Napoli: uno scontro senza fine

di Paola P. 4

emergenza-rifiuti-a-napoli-uno-scontro-senza-fine-foto.jpg

Non sembra attenuarsi l’emergenza rifiuti che ha colpito la Campania.
Nel capoluogo campano, aumentano le manifestazioni di protesta, sempre più accese e violente. Nel corso della notte sono stati appiccati ben 84 incendi, mandando in fiamme cumuli e cumuli di spazzatura. Presi d’assalto i vigili del fuoco, un auto andata in fiamma e danneggiato l’ingresso della sede dell’Inps in via Medina, pieno centro.

E’ solo l’ultimo dei bollettini neri che stanno funestando la città campana negli ultimi mesi, e nulla accenna a migliorare.


I cittadini sono indignati, e come biasimarli? Vivono in mezzo ai rifiuti, respirano un’aria tossica e non riescono più a dedicarsi ad altro se non alla protesta. Come continuare a lavorare, mandare i bambini a scuola quando sotto la finestra giacciono tonnellate di spazzatura in putrefazione? Quando l’unico odore che si sente non è certo quello della Primavera, ma dei liquami puzzolenti?

La gente si muove addirittura da altre parti della città non colpite, per andare a protestare, a rovesciare i bidoni bloccando le strade perchè “Questo è l’unico modo per far togliere i rifiuti“, “Se li buttiamo all’aria verranno a prenderli“.
Se intervistati, i napoletani dichiarano, stanchi e sfiduciati, che la rivolta è l’unico gesto civile per sperare ancora di mettere fine all’angoscioso problema.

E il governo? Le istituzioni? Come mai non è stato ancora risolta una situazione di emergenza così grave per la popolazione? Il rischio per la salute è molto alto, per non parlare della possibilità che gli atti di protesta diventino sempre più violenti. Ma d’altra parte, l’Italia è anche il Paese del “Se non ci scappa il morto…

Antonio Bassolino, governatore della Campania, in un’intervista a Repubblica, si è appellato a Berlusconi, per risolvere la situazione sempre più critica:
L’unica possibilità che abbiamo è legata alla collaborazione con il governo. Altrimenti affondiamo tutti. Si deve puntare a una forte collaborazione, far nascere un partito trasversale del sì, che finora è stato più debole di quello del no. Io mi muoverò in questo schema di collaborazione e lealtà. Sono fiducioso che il governo farà lo stesso, neanche a Berlusconi interessa una destabilizzazione della situazione a Napoli. Ho riscontrato un clima giusto. Senza questo giusto clima di collaborazione non ce la facciamo, nessuno.

Commenti (4)

  1. “L’unica possibilità che abbiamo è legata alla collaborazione con il governo. Altrimenti affondiamo tutti. ”

    Quel “tutti’ Non Ci Sta Proprio Bene…

    In Realta’ Dovrebbero Affondare Solo I “magna mangna” Che Hanno Comandato Sino Ad Ora…

    Mamma Mia Che Facce Toste! No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>