Estinta una specie di leopardo asiatico

di Marco Mancini Commenta

estinto leopardo asiaticoNonostante appelli, ricerche, impegno e richiami alla responsabilità, purtroppo di tanto in tanto ci troviamo a raccontarvi di una nuova specie che si è estinta. Questa è la volta del leopardo nebuloso di Formosa, una specie endemica dell’isola di Taiwan ed una delle progenitrici della specie dei leopardi nebulosi. Mentre i suoi “parenti” sopravvivono nel resto dell’Asia, grazie alla possibilità che hanno avuto di diffondersi su un territorio più vasto, la specie di Formosa è stata dichiarata nei giorni scorsi ufficialmente estinta.

La ricerca di almeno un esemplare sopravvissuto è durata ben 13 anni. Periodo in cui un team di scienziati internazionali ha disseminato l’isola di telecamere a raggi infrarossi ed altri strumenti di osservazione utilizzati per catturare le immagini di animali rari. La speranza era di catturare l’immagine di questo favoloso animale ma, dopo migliaia di ore di registrazione, purtroppo il responso è stato negativo. Nei giorni scorsi questa specie è stata dichiarata estinta, e ciò che fa più male è che il sospetto è che lo sia da decenni.

Scoperta all’inizio del ‘900, questa sottospecie si pensava fosse capace di adattarsi all’espansione umana in quanto, trattandosi di animali molto sfuggenti, i biologi ritenevano che fossero in grado di sopravvivere per decenni alla pressione umana, dato che cacciarli era quasi impossibile. Evidentemente si sbagliavano. Il bracconaggio ha contribuito alla sua sparizione, anche se secondo i ricercatori della National Pingtung University e dell’Istituto di Scienza e Tecnologia della Conservazione della Fauna Selvatica di Taiwan, è l’invasione umana ad aver dato il vero colpo di grazia.

Non solo. Questi stessi fattori mettono a rischio ora anche altre specie, sia all’interno dei confini taiwanesi, dove la popolazione ha sperato fino all’ultimo che il loro animale simbolo fosse sopravvissuto, ma anche all’esterno, dato che la specie del leopardo nebuloso è attualmente considerata vulnerabile. Un declino che, per come stanno oggi le cose, non può far altro che peggiorare.

[Fonte: Treehugger]

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>