Expo 2015, il Treno Verde di Legambiente si dedica all’alimentazione

di Matteo Carriero 1

Nuova edizione del Treno Verde di Legambiente con direzione Expo 2015: il celebre treno dell’associazione ambientalista italiana farà tappa in 15 differenti città della penisola tra il 23 e l’11 aprile. Il motto di questa edizione è “Tornare alla terra per seminare il futuro”.

treno verde expo 2015Torna il Treno Verde di Legambiente e questa volta è diretto all’Expo 2015 di Milano. Il tema dell’esposizione universale che aprirà i battenti il primo maggio è Nutrire il pianeta – Energia per la vita, il motto del nuovo Treno Verde è invece Tornare alla terra per seminare il futuro. Come si sarà capito il treno permetterà, durante le tappe nelle 15 città italiane in cui transiterà, di approfondire il tema dell’agricoltura e dell’alimentazione, rilanciando la sfida rappresentata dal Progetto Conversione, ovvero dall’intento di spronare l’agricoltura biologica in Italia affinché i prodotti bio possano diventare il 20% del totale entro l’anno 2020.

Il Treno verde per l’Expo partirà lunedì 23 febbraio 2015 da Caltanissetta e giungerà a Milano, in piazza Garibaldi, l’11 aprile prossimo; il treno porterà con sé rappresentanti dell’agricoltura bio e di qualità, e come ha spiegato Rossella Muroni

L’agricoltura che racconteremo a bordo del Treno verde può e deve giocare un ruolo chiave nella lotta al consumo di suolo, nella mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici, nel rilancio dell’economia del paese, nel creare nuova occupazione.

L’agricoltura bio in Italia, si sa, va forte: più terreni dedicati al bio, più prodotti realizzati e maggiori vendite anno dopo anno. Come ha sottolineato il presidente dell’associazione Vittorio Cogliati Dezza

È un’agricoltura che merita di essere favorita attraverso una politica ad hoc che riesca a cogliere la domanda di cambiamento che i cittadini e le aziende agricole più innovative chiedono.

Il nuovo Treno verde di Legambiente si presenterà con quattro carrozze nei quali si affronteranno svariati argomenti queli la giusta alimentazione, gli orti in città, la necessità di una giusta etichettatura, di tutela del suolo e del territorio. Parteciperà alla nuova edizione del treno diretto all’Expo anche Maria Grazia Mammuccini, la portavoce italiana di Navdanya International, la nota associazione creata da Vandana Shiva, che di recente ha dichiarato:

è arrivato il momento di affrontare il tema della democrazia dei semi: per millenni gli agricoltori hanno riprodotto i semi aumentando la diversità, la resistenza, il gusto, il valore nutrizionale, la salute e l’adattamento agli agro-ecosistemi locali, ma a questo lavoro la produzione industriale non dà nessun valore,

ricordando infine che

I semi liberi non possono essere commercializzati proprio per le loro qualità: perché non sono stati uniformati, contengono la diversità che potrebbe aiutarci a fronteggiare il cambiamento climatico. Intanto avanza la privatizzazione e si estendono i brevetti sui semi che sono la base della vita. È un’emergenza a livello globale.

L’Italia rappresenta un paese leader in ambito continentale per l’agricoltura biologica ma potrebbe essere fatto molto di più: il Treno verde di Legambiente cercherà di ricordarlo a tutti , spiegando a chiunque vorrà visitarlo i motivi per cui è assolutamente fondamentale prendersi maggiormente cura della terra e dei prodotti che produciamo e consumiamo.

Photo Credits | Tom [Luckytom] su Flickr

Commenti (1)

  1. Yes! Finally something about ig.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>