Expo2015, allarme acqua: falde idriche troppo sfruttate

di Maris Matteucci 1

A Expo2015 l’Onu lancia un allarme preoccupante attraverso l’iniziativa The Water Rooms che vuole puntare i riflettori sul problema relativo all’acqua nel mondo. Ad oggi, secondo i dati resi pubblici in occasione della presentazione di questo progetto, il 20% delle falde idriche è già sfruttato in maniera non sostenibile.

acqua

Una falda idrica su cinque è già spremuta fino all’osso, gli impianti di desalinizzazione consumano molta energia provocando inevitabile inquinamento. L’acqua che viene restituita ai contadini è troppo salata quindi non adatta per l’irrigazione dei campi con conseguenze pesanti, in termine di qualità e numeri, sull’agricoltura. Insomma l’allarme acqua è più che mai presente e preoccupa in ottica futura. L’acqua è un bene di prima necessità ma ad oggi non tutti i Paesi del mondo vi hanno accesso diretto e, soprattutto, quello che più desta preoccupazione è che di questo passo, sfruttando cioè oltre il limite massimo consentito le falde idriche, i risultati non arriveranno.

A The Water Rooms a Expo2015 ha partecipato anche il il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti il quale ha puntato il dito contro lo spreco di acqua.

L’acqua è un bene inviolabile per l’uomo che oggi però non è a disposizione di tutti in ugual modo: la sua assenza in molte parti del mondo dà luogo a guerre e migrazioni epocali. Lo spreco di acqua è una contraddizione sociale e morale da combattere con nuove infrastrutture efficienti, ma anche con l’educazione alle buone pratiche ambientali e alla sostenibilità

VENEZIA WATEC, LA FIERA MONDIALE SU TECNOLOGIE IDRICHE E AMBIENTALI NEL 2016

I dati resi pubblici dall’Onu sono di quelli che fanno rabbrividire: 748 milioni di persone non hanno accesso a fonti di acqua potabile e 2,5 miliardi di persone non utilizzano strutture igieniche in sicurezza.

Foto | Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>