Expo2015, Padiglione Slovacchia: biodiversità alla base dello sviluppo del Paese

di Maris Matteucci Commenta

La biodiversità come elemento cardine per lo sviluppo agricolo, ma non solo: è su questo aspetto che punta la Slovacchia che è tra i paesi partecipanti all’Expo2015 di Milano. Biodiversità che si va a contrapporre con decisione alla specializzazione. E questa filosofia si applica benissimo anche in campo agricolo dove convivono modelli completamente differenti con spazio a tutte le sfaccettature della filiera alimentare, dalle piccole fattorie ai grandi impianti energetici.

padiglione Slovacchia

E d’altronde, visto anche la posizione geografica e la mescolanza di così tante regioni al suo interno, non stupisce che la Slovacchia abbia fatto della biodiversità il suo punto di forza per l’agricoltura, ma anche per rilanciare il progetto di uno sviluppo culturale, naturale e storico al quale ambisce questo Paese. Il Padiglione della Slovacchia a Expo2015 è stato progettato dall’architetto slovacco Karol Kállay e si ispira al motto Slovacchia. Ricarica te stesso. Un riferimento alle fonti energetiche naturali di cui questo paese è ricco.

EXPO2015, PADIGLIONE EL SALVADOR: LA QUALITÀ DEL CAFFÈ TRA ECONOMIA E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Ed ecco che questo Padiglione è il lugo per ricarsi per eccellenza: un cubo di listelli di legno con una cascata che alimenta un sistema di mulini ospita infatti delle sedie a sacco dove è possibile mettere in carica smartphone e tablet.La seconda parte del Paiglione è quella in cui si punta a evidenziare l’idea dell’energia collegata alla modernità e alle tradizioni culturali attraverso temi ben precisi che vengono sviluppati in modo differenti. I temi sono tradizione, innovazione, sport, cultura, esperienze e nutrizione.

Photo credits | Sito ufficiale Expo 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>