Fonti rinnovabili, la Danimarca vola grazie all’eolico

di Luc Commenta

Le fonti di energia rinnovabili sono in grado di soddisfare il fabbisogno di un paese intero: per tutti coloro che hanno sempre desiderato avere la controprova, ecco che la testimonianza è arrivata dalla Danimarca, grazie alla sua affermata e lodevole politica energetica.

Wind_farm_7966

Durante lo scorso mese di luglio, infatti, i nove parchi eolici che si trovano all’interno del territorio danese sono riusciti a produrre un quantitativo sufficiente per poter soddisfare il fabbisogno energetico dell’intera nazione. Non solo, dato che l’energia prodotta eccedeva questo livello, con la conseguenza quella prodotta al dà di tali limiti è stata deviata ad altre nazioni, come Germania, Svezia e Norvegia.

Come si può facilmente intuire, quel giorno il vento ha spirato con ottima intensità lungo tutte le ventiquattro ore, con le turbine eoliche che hanno coperto il 116% del fabbisogno energetico della Danimarca intera, senza dimenticare come in alcuni momenti si è arrivati fino al 140%.

Una svolta che è stata ovviamente segnalata anche dal gestore danese per l’energia elettrica, che ha cominciato a trasmettere online, sul proprio portale, il percorso che sta compiendo l’impiego di fonti rinnovabili nel paese.

Secondo quanto è stato riportato dalle indagini del sito stesso, pare che capacità di funzionamento dei nove parchi eolici, in quel straordinario giorno di luglio, non fosse nemmeno al massimo, ragion per cui si può credere che tale limite si possa ancora migliorare.

Grande l’entusiasmo da parte delle varie associazioni delle energie green in Europa, come EWEA, che tramite un portavoce ha fatto presente che l’obiettivo di vedere il pianeta supportato al 100% da fonti rinnovabili potrebbe non essere più solo teoria.

Soprattutto gli strumenti e le strutture utilizzate per catturare l’energia eolica sono in costante evoluzione e sono tanti i paesi europei che stanno dimostrando di puntarci molto e ottenere grandi soddisfazioni (tra il 10 e il 40% del proprio fabbisogno energetico complessivo): tra gli altri troviamo Romania, ovviamente Danimarca, ma anche Portogallo, Irlanda, Germania e Spagna.

Le asticelle che si è posta la Danimarca in tema di copertura del fabbisogno energetico nazionale con fonti rinnovabili sono molto alte per gran parte di tutti gli altri paesi europei: 50% entro il 2020 ed 84% entro un ventennio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>