Gran Bretagna: multe per chi sosta con l’auto accesa

di AnnaMaria Commenta

Proteggere i cittadini dallo smog e ridurre le emissioni nocive nelle grandi città è diventata una necessità improrogabile. Ecco perchè gli enti del ministero della Salute in Gran Bretagna hanno diramato alcune linee guida per proteggere cittadini.

Gli esperti del National Institute for Health and Care Excellence (Nice) e del Public Health England, due enti che fanno capo al ministero britannico della Salute, hanno infatti proposto multe salate per tutti gli automobilisti che si fermano in automobile per accompagnare i figli a scuola o per aspettare un parente fuori da un qualunque edificio e non spengono il motore dell’auto. Lo scopo è proteggere i cittadini dall’inquinamento dell’aria.

SMOG: 4 MINISTERI STUDIANO AZIONI PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DELL’ARIA

Nelle linee guida si propongono anche altre misure come l’istituzione di zone a traffico limitato e di zone a divieto di sosta con motore acceso, in aree frequentate dalle persone più vulnerabili come bambini e anziani, adiacenti a luoghi come scuole, ospedali e case di cura.

PARIGI PREMIA CHI VA AL LAVORO IN BICICLETTA

Paul Lincoln, a capo della commissione per le linee guida del Nice ha osservato che:

L’inquinamento atmosferico rappresenta un rischio importante per la nostra salute, e le misure suggerite finora non sono riuscite a far fronte al problema in modo sufficiente. Questa guida descrive una serie di azioni pratiche che le autorità locali possono adottare, come l’istituzione di zone con divieto di sosta a motore acceso per ridurre le emissioni e proteggere i cittadini.

RAPPORTO MAL’ARIA 2017: AUMENTA LO SMOG NELLE CITTA’ ITALIANE

Ridurre le emissioni di polveri sottili è ormai un dovere imprescindibile, specie se pensiamo che numerosi studi hano dimostrato che la prolungata esposizione alle polveri sottili è associata alla morte prematura di circa 25mila persone all’anno in Inghilterra, e di certo il traffico stradale è responsabile del 64% dell’inquinamento nelle città.

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>