La presenza dell’uomo accelera il cambiamento del clima

di AnnaMaria Commenta

La presenza dell’uomo e tutte le attività umane accelerano il cambiamento climatico. A dirlo sono i risultati di uno studio pubblicato dalla rivista The Antropocene Review, nel quale un gruppo internazionale di ricercatori illustra la messa a punto della prima equazione matematica per descrivere l’impatto dell’uomo sull’ambiente e sul clima del pianeta Terra.

Secondo il risultati dello studio, le attività umane stanno rendendo il cambiamento climatico 170 volte più veloce rispetto alle forze naturali. Infatti durante i 4,54 miliardi di anni di vita del Pianeta, le forze esterne dominanti che hanno influenzato il tasso di cambiamento del sistema Terra sono state solo astronomiche e geofisiche. Invece secondo gli scienziati negli ultimi sessanta anni circa, forzanti antropiche hanno causato tassi eccezionalmente rapidi di cambiamento nel sistema Terra.

> WMO, NEL CAMBIAMENTO CLIMATICO C’E’ L’IMPRONTA UMANA

L’era geologica attuale è descritta dagli studiosi come l’Antropocene, nella quale i cambiamenti climatici sarebbero rapidissimi e tutti legati alle attività umane. Secondo lo studio infatti negli ultimi 7.000 anni il tasso di variazione della temperatura è stato di circa 0,01 gradi centigradi per secolo mentre negli ultimi cento anni è invece stato di 0,7 gradi, cioè 70 volte superiore.

> LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO, ALL’ONU 6 PROGETTI ITALIANI

Se poi ci concentriamo solamente sugli ultimi 45 anni, e cioè dal 1970 quando l’influenza dell’azione dell’uomo sul clima è diventata più evidente, il ritmo dell’aumento della temperatura è di 1,7 gradi per secolo, 170 volte superiore.

Saremmo quindi di fronte ad una nuova era geologica, l’Antropocene appunto, nella quale i cambiamenti climatici riguardano non solo l’atmosfera, gli oceani e le zone artiche, ma anche flora e fauna selvatiche. Questi cambiamenti sono dovuti ad una sensibile accelerazione del progresso tecnologico e della crescita della popolazione mondiale che con la rivoluzione industriale ha subito un’impennata e in poco più di due secoli fino ad arrivare agli oltre 7 miliardi di persone presenti oggi sul pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>