I leader africani hanno deciso l’entità del rimborso da chiedere ai Paesi ricchi

di Marco Mancini Commenta

meeting leader africani

I leader africani si sono accordati martedì scorso su quanto denaro chiederanno ai Paesi ricchi per compensare l’impatto dei cambiamenti climatici sul Continente, ma hanno mantenuto la cifra segreta in vista dei colloqui del prossimo mese di Copenaghen.

Il vertice delle Nazioni Unite in Danimarca cercherà di accordarsi sulle modalità per contrastare i cambiamenti climatici e di elaborare un accordo post-protocollo del trattato di Kyoto per ridurre le emissioni.

Abbiamo fissato un minimo oltre il quale non si andrà. Ma io non sono in grado di dirvi quello che il valore minimo sarà

ha affermato il Primo Ministro etiopico Meles Zenawi, che rappresenterà l’Africa ai colloqui.

I colloqui preparatori, che vanno avanti dal 2007, non sono riusciti a risolvere le divisioni tra Paesi ricchi e Paesi poveri o trovare ulteriori fondi per aiutare le nazioni in via di sviluppo a pagare le tecnologie costose per essere sicuri di non inquinare, garantendo la crescita delle loro economie.

Ci sono molti calcoli, anche fino a 100 miliardi di dollari all’anno, che sono stati fissati da alcuni esperti. Saremo molto flessibili

ha detto Meles, riferendosi chiaramente all’Unione Europea. I Paesi poveri vogliono che i ricchi riducano le emissioni del 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2020. Ma alcuni in Occidente si lamentano del fatto che tali tagli non sono realistici, in particolare subito dopo la recessione economica mondiale. Finora, le promesse sul breve termine parlano di tagli di circa l’11-15%.

Temendo che i colloqui non possano riuscire, la Danimarca la settimana scorsa ha dichiarato che chiederà ai leader del mondo di essere presenti per le ultime due giornate della conferenza per spingere verso un accordo nel corso della riunione, originariamente destinata solo ai ministri dell’ambiente.

Meles, che ha minacciato uno sciopero delle 52 nazioni africane che rappresenterà, ha detto che la sua priorità ai colloqui sarà quella di garantire che le emissioni di carbonio siano ridotte per un importo equo al compenso annuale per l’Africa. Inoltre ha aggiunto che l’Africa ha voluto un trattato approvato a Copenaghen, ma potrebbe accettare un “accordo politico vincolante” come primo passo verso un trattato successivo.

I 50 paesi più poveri al mondo, tuttavia, contribuiscono per meno dell’1% delle emissioni di biossido di carbonio che gli scienziati dicono minacci il pianeta, ed è giusto quindi che non siano loro a pagare per colpe commesse da altri.

Fonte: [Reuters]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>