L’inquinamento uccide: più di 80mila morti all’anno in Italia

di Maris Matteucci 1

L’inquinamento ambientale uccide e fa registrare in Italia un record davvero poco edificante: più di 80mila persone perderebbero infatti la vita ogni anno a causa degli elevati livello di inquinamento nell’aria che metterebbero a repentaglio la salute.

inquinamento causa morti

E a farne le spese sarebbero le persone costrette a respirare aria inquinata soprattutto in alcune zone di Italia che, guarda caso, corrispondono anche a quelle industrialmente più evolute: ci riferiamo per esempio alla pianura padana, quella che a livello di industrie è il motore trainante dell’Italia ma che farebbe anche registrare numeri davvero da brivido. Brescia, Monza, Milano e Torino le zone più colpite con il Belpaese che purtroppo vince la classifica delle morti premature a causa dell’inquinamento ambientale.

MILANO, INQUINAMENTO DELL’ARIA FUORILEGGE UN GIORNO SU DUE NEL 2015

Dietro l’Italia sia piazza l’evoluta Germania con 72.000 morti premature in totale, di cui 59.500 attribuibili al particolato. Ancora dietro Francia, con 52.600 morti premature, e Inghilterra con 52.430). E stando ai dati resi pubblici dall’Agenzia europea dell’ambiente, gli inquinanti più pericolosi per la salute dell’uomo sarebbero il particolato (PM), l’ozono troposferico (O3) e il biossido di azoto (NO2). Tutti materiali che, se diffusi nell’aria e respirati, metterebbero a repentaglio la salute di ciascun individuo che alla lunga soccomberebbe.

ACQUA AL POSTO DELLA BENZINA: IL PROGETTO ANTI-INQUINAMENTO DI ISRAELE LANCIATO A EXPO2015

Insomma una situazione davvero drammatica per l’Italia che, solo nel 2012, avrebbe fatto registrare numeri da brivido con 84.400 morti premature di cui ben 59.500 causate dalle polveri sottili; 3.300 quelle provocate dall’ozono troposferico e 21.600 dal biossido d’azoto.

Foto | Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>