leonardo.it

Natale e post-Natale ecologico, i consigli Comieco

 
Valentina Ierrobino
24 dicembre 2010
Commenta

Quanti panettoni avete già mangiato prima dell’arrivo del Natale? Non voglio scoprire quanto siete golosi, ma solo farvi conoscere il consiglio che Comieco, il Consorzio nazionale riciclo carta e cartone, dà a tutti noi per sostenere l’ambiente e la natura anche durante le feste natalizie. Per un Natale tutto green e anche per i giorni dopo il Natale ecco il consiglio

Riciclare il cartone del panettone nel cestino giusto.

Come afferma il Consorzio

Se ogni italiano differenziasse correttamente, per esempio, una confezione di panettone, una di pandoro, una di torrone, due scatole di pasta, due giornali e due riviste, due sacchetti e la scatola di un giocattolo, si raccoglierebbero circa 120.000 tonnellate di carta e cartone. Sufficienti ad evitare la costruzione di un’intera discarica di medie dimensioni.

Considerando che lo scorso anno sono stati consumati 26 milioni di kg di panettone, potete immaginare quanti siano stati i kg di imballaggi. Ma Comieco celebra la storica confezione di cartone riciclato del panettone

Custode del sapore e dei profumi grazie alla quale il panettone arrivava sulle tavole natalizie di tutto il mondo già ai tempi dell’Unità d’Italia.

Comieco dà altri consigli per il pranzo di Natale e per riciclare correttamente gli imballaggi:

  • antipasto: le confezioni di carta degli affettati e dei formaggi vanno gettati nell’indifferenziata perché sono sporchi di cibo, a meno che la confezione sia formata da parti in carta e plastica separabili, in tal caso carta e plastica si possono riciclare dopo essere state pulite;
  • primi piatti: la carta da forno in cui vengono cotte le lasagne o gli altri primi piatti tradizionali del pranzo di Natale va gettata nell’indifferenziata;
  • secondi piatti: si può riciclare il cartone che contiene il cotechino o lo zampone, altra pietanza immancabile nelle tavole degli italiani, dopo averlo separato dall’involucro che contiene la carne;
  • stoviglie e tovaglioli: anch’essi vanno gettati nell’indifferenziata.

Ed ora Buon Natale a tutti i lettori di Ecologiae!

[Fonte: Comieco]
[Foto: blogs.miaminewtimes.com]

Articoli Correlati
YARPP
Club Carta e Cartoni, la proposta Comieco

Club Carta e Cartoni, la proposta Comieco

Gli italiani e la carta. Questo l’argomento dell’indagine compiuta da AstraRicerche per Comieco, una ricerca che ha preso in esame quasi 42 milioni di italiani con un’età compresa tra 18 […]

Riciclare? Un classico, il concorso letterario Comieco

Riciclare? Un classico, il concorso letterario Comieco

Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base di Cellulosa, ha indetto un concorso letterario per festeggiare i primi 10 anni di Riciclo Aperto. Il concorso, organizzato […]

Riciclare la carta a scuola, i consigli di Comieco

Riciclare la carta a scuola, i consigli di Comieco

Scuole sempre più coinvolte in iniziative sostenibili. E’ tempo di ripensare ad una riqualificazione energetica degli edifici, come è accaduto in un un liceo di Pantin, alle porte di Parigi, […]

7 modi per avere un Natale ecologico

7 modi per avere un Natale ecologico

Luci, addobbi, alberi: forse troppo consumismo per essere un anno ecologico? Di certo non possiamo chiedervi di evitare tutto questo e andare contro le tradizioni, ma solo di cercare di […]

Natale 2008, le regole contro lo spreco di carta

Natale 2008, le regole contro lo spreco di carta

Tra pochi giorni ci saranno milioni di cenoni di Natale e milioni di regali da scartare. Purtroppo però c’è la prospettiva anche di milioni di tonnellate di immondizia. Se però […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento