Nissan Leaf Black Edition, l’auto a zero emissioni in edizione limitata

di Michele Costanzo Commenta

Nella prossima primavera la Nissan Leaf sarà proposta in una edizione limitata denominata Black Edition. Un esempio del crescente interesse verso le auto a zero emissioni.

nissan leaf black edition
Sul mercato da sei anni la Nissan Leaf è l’auto elettrica più venduta al mondo. Un successo ottenuto anticipando i tempi e seguendo le aspettative dei clienti. Ora Nissan si appresta a lanciare sul mercato europeo una nuova versione della Leaf in uno speciale allestimento denominato Black Edition. Questa nuova variante avrà caratteristiche tecniche ed estetiche esclusive ed è una dimostrazione del grado di maturazione raggiunto dal mercato delle auto elettriche. Con l’aumento delle vendite e il coinvolgimento di un pubblico sempre più ampio, aumentano anche le richieste di personalizzazione dei veicoli elettrici in maniera simile a quanto avvenuto per le auto ad alimentazione tradizionale. Il segmento delle auto a zero emissioni evolve sempre più verso un mercato dai grandi numeri.

La nuova Nissan Leaf Black Edition

La nuova Nissan Leaf Black Edition sarà in vendita in Europa per un periodo limitato che inizierà a marzo 2017 e si concluderà ad agosto dello stesso anno. La vettura elettrica verrà quindi proposta in una edizione limitata che per allestimento e dotazione si andrà a collocare al top della gamma Leaf.

La Black Edition nasce sulla base del già noto allestimento Acenta rispetto al quale si distingue per una serie di novità estetiche. Tra queste all’esterno si segnalano i cerchi in lega neri da 16 pollici, i fari con tecnologia a LED, i battitacchi illuminati, i vetri oscurati, le calotte degli specchietti retrovisori neri e uno spoiler ad estensione del tetto posteriore anch’esso di colore nero. All’interno invece la Nissan Leaf Black Edition si distingue per i tappetini con impunture blu.

La specificità dell’allestimento si ritrova anche nella dotazione tecnologica. La Nissan Leaf Black Edition adotterà una versione evoluta del sistema telematico di bordo NissanConnect EV abbinato all’innovativa tecnologia Around View Monitor. I primi mille esemplari che verranno venduti in Europa avranno inoltre in dotazione un hotspot Wi-Fi in grado di fornire connettività ad 8 diversi dispositivi.

L’auto elettrica secondo Nissan

La Nissan Leaf rappresenta uno degli esempi più riusciti di auto ad emissioni zero destinata al mercato di massa. Un modello dai costi di gestione molto contenuti e dal prezzo abbordabile anche se comparato ai veicoli ad alimentazione tradizionale.

Molto lavoro nello sviluppo della Leaf è stato dedicato a superare alcune delle limitazioni dei veicoli elettrici. In particolare l’introduzione della variante con blocco batterie da 30 kWh ha esteso l’autonomia del veicolo fino a 250 km. Se in passato l’auto elettrica era per lo più limitata all’ambito urbano, valori di autonomia di questo livello ne estendono la portata anche al medio raggio. Con la progressiva diffusione delle colonnine di ricarica anche la mobilità a lungo raggio potrà sfruttare i vantaggi ecologici ed economici della trazione elettrica.

75 mila Nissan elettriche in Europa

Rispetto ai veicoli elettrici l’Europa non si comporta in maniera uniforme. Il mercato di questo tipo di vetture ad emissioni zero ha ad esempio registrato una larghissima diffusione in Norvegia e nei Paesi Bassi rimanendo su percentuali più contenute in altre nazioni. I dati complessivi di vendita sono comunque in rapida crescita e descrivono un mercato sempre più competitivo rispetto ai veicoli con motore endotermico.

Una conferma ulteriore in questo senso arriva ancora da Nissan che ha aggiornato i dati di vendita dei propri veicoli elettrici. In Europa i proprietari di veicoli elettrici Nissan sono oltre 75 mila che salgono ad oltre 260 mila a livello mondiale. La Nissan Leaf è il modello di punta di questa avanzata della mobilità elettrica e nel primo semestre del 2016 ha registrato in Europa un incremento delle vendite del 10%.

Oltre alla Leaf la gamma dei veicoli elettrici di Nissan include lo spazioso e-NV200 le cui vendite nella prima parte dell’anno sono cresciute del 34%. La versione VAN di questo veicolo è stata recentemente scelta anche in un progetto pilota di Poste Italiane sviluppato in collaborazione proprio con Nissan. In varie città italiane 70 veicoli Nissan e-NV200 con alimentazione 100% elettrica verranno utilizzati per le consegne nell’ultimo miglio.

Sul mercato italiano dei veicoli a trazione elettrica Nissan occupa una posizione di leadership con una quota che supera il 50%. Dal 2010 ad oggi nel nostro Paese la casa giapponese ha venduto complessivamente oltre 2100 veicoli elettrici. In particolare sono circa 1500 le Nissan Leaf in circolazione in Italia affiancate da circa 600 Nissan e-NV200.

Anche la dinamica del mercato italiano è positiva. Sempre secondo i dati Nissan le vendite sul nostro mercato di veicoli elettrici sono più che raddoppiate negli ultimi due anni. Si è infatti passati dalle 420 unità vendute nel 2014 alle 860 previste per il 2016 con un progresso del 105%.

Verso la mobilità integrata

Nel prossimo futuro i veicoli elettrici non si limiteranno ad affiancare e sostituire i mezzi di trasporto convenzionali ma porteranno verosimilmente ad una riscrittura completa del concetto di mobilità.

Il modello più promettente punta ad una mobilità integrata che coinvolga diverse reti di trasporti di cui l’automobile costituirà una delle terminazioni. Un recente progetto proposto da Nissan ed Enel va anche oltre ed immagina una rete intelligente di distribuzione dell’energia in cui le auto elettriche svolgano una funzione di compensazione tra produzione e consumo. Questo genere di soluzioni denominate Vehicle-to-Grid evolveranno di pari passo con le reti di distribuzione di nuova generazione chiamate ad aumentare efficienza e flessibilità.

Photo Credits | Nissan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>