Paesaggio del Prosecco candidato dall’Italia a Patrimonio dell’Unesco

di AnnaMaria Commenta

Si punta, con decisione unanime, a far entrare il paesaggio del Prosecco in Veneto all’interno della Lista beni materiali Unesco. La Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco ha deciso infatti di candidare, a nome del governo italiano, il paesaggio vitivinicolo del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene.

Proprio ieri il ministro Martina ha firmato il dossier di candidatura che è il primo passo per consentire la valutazione e il successivo invio a Parigi. Già nel 2009 era stata inviata una candidatura per l’area veneta dall’allora ministro Zaia. Fino ad ora, sono solo 9 i paesaggi vitivinicoli inseriti all’interno della lista dell’Unesco su un totale di 1052.

> I 10 nuovi siti UNESCO patrimonio ambientale dell’umanità

E’ stata la Commissione nazionale italiana per l’Unesco, presieduta da Franco Bernabè, a decidere di candidare le colline del Prosecco, con parere favorevole di 6 ministri, in quanto paesaggio dove regna un particolare equilibrio tra uomo e territorio, rappresentato anche nella letteratura del ‘900 e dipinto in numerose produzioni pittoriche del Rinascimento Veneto. Ma non solo. Con la candidatura del paesaggio del Prosecco si punta anche a valorizzare il territorio agricolo, ben 20mila errari di terreno, di quelle zone e promuovere i flussi turistici e il turismo di tutto il mondo nei 15 comuni che fanno parte del territorio.

> Ecologia, l’Unesco propone la lista dei geoparchi, Patrimonio dell’Umanità

E in effetti il marchio Unesco è molto ambito e raro. In Italia sono solo 51 i siti materiali e 7 elementi immateriali ad avere avuto il privilegio di ricevere il marchio Unesco. L’Italia ha un primato mondiale di riconoscimenti, ben 51, ed è incalzata dalla Cina che ne conta 50 e dalla Spagna che ne ha 49.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>