Palermo, inaugurato il primo car sharing pubblico

di Luc 1

Uno dei migliori sistemi per evitare di spendere cifre altissime tra benzina, assicurazioni e manutenzione dell’auto è quello di seguire quella che si sta affermando come una vera e propria moda ecologica, ovvero il car sharing ed anche il comune di Palermo, in modo particolare, si è fatto carico di un’interessante iniziativa.

Cambio-fleet_eMobil

Infatti, proprio a Palermo è stato realizzato il primo car sharing pubblico, a cui sono stati tolti i veli solamente due giorni fa in Piazza Massimo, insieme al Sindaco, all’assessore della mobilità ed ai rappresenti delle società che hanno partecipato alla realizzazione di questo progetto.

Gli enti che hanno collaborato al progetto del Comune di Palermo sono Enel, Amat e il colosso Renault: il progetto è stato ribattezzato Demetra ed è nato dall’obiettivo di abbassare sensibilmente le emissioni di CO2 dovute al traffico di città puntando tanto sul car-sharing.

Quindi, il car sharing comunale di Palermo potrà contare su ben ventiquattro vetture fornite da Renault: si tratta del modello elettrico Zoe.

Un progetto che è nato un anno fa ed ha come finalità principale quella di mettere a disposizione dei cittadini un servizio di trasporto pubblico in sharing che potrà contare su vetture elettriche, ma anche a metano, oltre ad altri mezzi di trasporto, come bici e scooter ecologici.

A fare da cornice all’iniziativa generale, c’è anche l’installazione di una rete di 16 stazioni di ricarica che vengono messe a disposizione da parte di Enel e sono state collocate in zone importanti della città.

Il progetto Demetra tenta proprio di ridefinire la mobilità del capoluogo siciliano, visto che tra auto elettriche, i tram e gli 8 chilometri di piste ciclabili che l’amministrazione ha in mente di creare, l’alternativa alle auto private è indubbiamente più lampante e facilmente accessibile.

Finalmente un bel progetto tutto italiano che è stato realizzato a Palermo e valorizza i mezzi di trasporto alternativi che sono fondamentali per ridurre l’inquinamento e lo smog.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>