Palii tradizionali, norme più severe per la tutela degli animali

di Matteo Carriero Commenta

paliiArrivano norme più severe per la tutela degli animali durante i palii tradizionali per via del ddl del ministro della salute Lorenzin approvato il mese scorso. Previsti maggiori controlli per gli animali e sui requisiti minimi di sicurezza delle manifestazioni popolari.

Con il ddl Lorenzin i palii tradizionali e altre simili manifestazioni con animali devono essere autorizzate previa acquisizione del parere favorevole della commissione comunale o provinciale per la vigilanza, integrata da un medico veterinario dell’azienda sanitaria locale.

A ciò si aggiungerà, entro tre mesi dall’entrata in vigore della legge, un nuovo decreto del ministero della salute e dell’interno che integrerà quanto fatto specificando i “requisiti minimi di sicurezza per l’incolumità pubblica e per il benessere degli animali impiegati nelle manifestazioni”.

Sotto la lente di ingrandimento finiranno anche i fantini, in particolare quelli che hanno riportato condanne per maltrattamenti o per uccisioni di animali, per competizioni clandestine, scommesse o comunque manifestazioni vietate: a loro sarà interdetta la partecipazione a palii tradizionali e simili eventi.

Oltre a questo con il ddl messo a punto dal ministro Lorenzin si aumenterà il grado di informatizzazione per i dati e le informazioni relative agli animali da competizione, in particolare in relazione alle loro malattie, anche per poter programmare meglio i controlli sugli animali stessi (e risparmiare, non di meno). Quindi per quanto riguarda i palii tradizionali con il ddl dello scorso mese di giugno avremo norme più severe con un monitoraggio più efficace su eventuali maltrattamenti degli animali, nonché maggiori controlli anche sui fantini e coloro che questi animali li cavalcano.

In Italia palii e altre manifestazioni folcloristiche con animali sono ancora molto diffuse e una regolamentazione almeno in parte più accurata, con maggior controlli tesi anche a tentare di debellare fenomeni di doping, non può che giovare concorrendo a mantenere sostenibili questo genere di eventi.

Photo credits | Hans Baas su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>