Posidonia, un’alga a rischio estinzione nel Mediterraneo

di Matteo Carriero 1

La posidonia, una delle più antiche specie vegetali del Mediterraneo, rischia di estinguersi entro il 2050 a causa dell’aumento della temperatura delle acque. Lo sostiene uno studio dei ricercatori dell’Institut Mediterrani d’Estudis Anacats delle Isole Baleari, pubblicato sulla rivista Nature Climate Change.

Secondo gli studiosi analizzando il tasso di mortalità delle posidonie e calcolando una netta riduzione delle emissioni di gas serra dopo il 2050 possiamo prevedere, tra gli altri, due scenari: il primo, in cui all’aumento di temperatura delle acque si accompagna la persistenza della pressione antropogenica, vedrebbe il 90% delle posidonie svanite per l’anno 2049. Il secondo, che ottimisticamente tiene conto di un azzeramento della dannosa interferenza umana, vedrebbe comunque, sulla base del riscaldamento delle acque, le popolazioni di posidonie ridotte al 10% del volume attuale entro il 2053. Poche sfumature, quindi, tra i risultati predetti dai ricercatori delle Baleari.

La posidonia, che alcuni studiosi ipotizzano un tempo assai più diffusa a livello globale, è oggi una specie caratteristica del Mediterraneo (nella variante Posidonia oceanica) e delle acque australiane meridionali. Secondo un recente studio di una equipe internazionale pubblicato su PlosOne, dal titolo “Implications of Extreme Life Span in Clonal Organisms: Millenary Clones in Meadows of the Threatened Seagrass Posidonia oceanic”, i più antichi esemplari, riprodottisi per clonazione, raggiungerebbero un’età stimabile tra le migliaia e le decine di migliaia di anni. I danni che conseguirebbero dalla scomparsa di questa specie, in Italia come altrove, sono collegabili all’erosione costiera, per cui la posidonia funge da baluardo, e alla destabilizzazione dell’ecosistema marino, dato che i fondali densi di posidonie costituiscono l’habitat naturale per numerose specie marine animali e vegetali.

Anche per le posidonie l’unico rimedio contro l’annunciata estinzione sembra rappresentato da una decisa e immediata politica per la riduzione dell’effetto serra, volta a mitigare l’innalzamento delle temperature nelle nostre acque.

Photo Credits | Paul and Jills su Flickr

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>