Primavera fredda? Colpa dello scioglimento dei ghiacciai

di Marco Mancini Commenta

primavera fredda scioglimento ghiacciaiSiamo ormai quasi ad aprile ma ancora non si vede un briciolo di primavera. Anzi, le previsioni per Pasqua e Pasquetta sono ancora peggiori: neve e pioggia in tutta Italia. In molti, tra i detrattori del riscaldamento globale, affermeranno che questa è la prova che non è vero che il pianeta si sta riscaldando. La realtà invece è esattamente l’opposto: questa è la prova che il riscaldamento globale è in atto. Ad affermarlo è il dott. Jennifer Francis del Rutgers Institute of Coastal and Marine Science che ha spiegato in maniera semplice come mai, a fine marzo, fa ancora così freddo.

Il Polo Nord, come è ormai tristemente noto, si sta sciogliendo proprio a causa del riscaldamento globale. Rispetto agli altri anni però la perdita di masse di ghiaccio è più rapida ed in quantità maggiori. Accade così che il ghiaccio finisca nel Mar Glaciale Artico che si raffredda e sposta la corrente gelida in tutte le acque dell’emisfero settentrionale. La conseguenza è anche nell’atmosfera la temperatura si abbassa a causa di questa corrente, e si finisce così per registrare temperature polari anche dopo la fine dell’inverno.

La dottoressa Francis non è nuova a questo genere di analisi. Già in tempi non sospetti, nello scorso settembre, aveva analizzato la situazione del Polo Nord ed aveva predetto la situazione metereologica attuale con circa 7 mesi d’anticipo. Le nevicate delle scorse settimane, unite a quelle sporadiche di questi giorni, sono in netto contrasto con i dati del marzo 2012 che era stato uno dei più caldi della storia. Il motivo, spiega la dottoressa Francis, è da ricercarsi nella modifica dei modelli di vento a causa della fusione del ghiaccio marino che, immettendo enormi quantità di aria fredda nell’atmosfera, fa compiere degli sbalzi di temperatura estremi (circa il doppio rispetto al normale). Per questo non è da escludere che se un giorno andiamo a letto con il piumone, il giorno dopo potremmo svegliarci con 30 gradi.

[Fonte: the Guardian]

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>