Rifiuti Napoli, De Magistris: ” Dietro i roghi regia della camorra”

di Paola P. 1

Rifiuti Napoli, ormai un dramma, l’ennesima emergenza degli ultimi giorni ha portato alla luce la necessità di provvedimenti d’urgenza per evitare il diffondersi di epidemie che mettano a rischio la salute pubblica oltre che, ovviamente, per ripristinare livelli accettabili nella qualità della vita dei cittadini e dare una ripulita all’immagine turistica di questa meravigliosa città, insozzata dalla monnezza, avvolta in un lezzo disgustoso che con il caldo delle ultime ore sta divenendo sempre più opprimente e pesa come una cappa di marciume sulle vite degli abitanti. A peggiorare una situazione già a dir poco drammatica contribuiscono i roghi appiccati ogni giorno ai cumuli, sporco che brucia diffondendo emissioni di diossina e trasformando la spazzatura accumulata in rifiuti speciali, ancora più ostici da smaltire.

Atti di vandalismo scellerati che altro non fanno che mettere ulteriormente a rischio la salute dei cittadini. Proprio sui roghi è intervenuto nelle ultime ore il neosindaco di Napoli Luigi De Magistris, alle prese con la prima, e forse la maggiore, di una lunga serie di sfide che lo attendono per mantenere le promesse di una campagna elettorale altrettanto rovente. Per l’ex magistrato c’è la regia della camorra dietro i roghi, a testimonianza dell’atteggiamento a dir poco ostile adottato dalla criminalità organizzata nei confronti della nuova amministrazione comunale.

E’ evidente che c’è una regia dietro i roghi e i blocchi stradali. E che la camorra è nemica di questa giunta. Con il piano ambientale della Giunta, spiega De Magistris – quello che è stato il business dei rifiuti a Napoli si interrompe definitivamente. Chi accende i roghi è gente che non ha a cuore questa rivoluzione ambientale. So che la camorra ci ostacolerà.

I cittadini sanno che i roghi producono diossina e che sono un rischio per la salute, ha proseguito il sindaco, sottolineando che spetterà alla magistratura, a questo punto, accertare le responsabilità della camorra nell’ostacolare una risoluzione dell’emergenza, aggravando ulteriormente una  situazione di disagio già estremamente critica. Non è la carità che devono cercare i napoletani, conclude De Magistris:

I cittadini si devono indignare ma devono essere fiduciosi perché noi puntiamo a rendere la città di Napoli autonoma. E’ quanto ho detto al ministro, al governo, al prefetto e a Caldoro. Oggi abbiamo bisogno non di una carità ma di quanto prevede la legge. Noi puntiamo a superare la necessità dell’aiuto degli altri perché stiamo lavorando per creare un ciclo di rifiuti davvero rivoluzionario.

[Fonte: ASCA]

 

Commenti (1)

  1. What i don’t realize is in reality how you’re not actually
    much more neatly-appreciated than you might be right now.
    You’re so intelligent. You already know thus considerably in relation to this subject, made me personally imagine it from a lot of varied angles.
    Its like men and women aren’t interested unless it’s something to accomplish with Girl gaga!
    Your individual stuffs nice. At all times handle it up!

    My page … ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>