Rinnovabili, stanziati 600 milioni per gli impianti in Italia

di Marco Mancini 1

Buone notizie per chiunque abbia intenzione di investire nell’energia rinnovabile. E’ stato attuato il cosiddetto “Fondo Kyoto”, approvato nel 2007 ma che purtroppo entrerà in vigore solo dopo che il Protocollo è scaduto, e cioè il prossimo 15 marzo, che prevede un fondo da ben 600 milioni di euro da erogare in investimenti a tasso super-agevolato per chiunque voglia costruire un impianto.

Il fondo è aperto a tutti, sia privati che imprese, e prevede un finanziamento al tasso di appena lo 0,5%, praticamente regalato, per la costruzione di qualsiasi impianto rinnovabile vogliate installare, dal normale pannello solare sul vostro tetto ad un parco eolico.

Il meccanismo è semplice. Per ottenere questo finanziamento potete chiamare lo 800098754 per avere informazioni e compilare il form sul sito della cassa depositi e prestiti, e potrete ottenere un finanziamento con interessi praticamente nulli da restituire in rate semestrali. La durata dei finanziamenti sarà di 3-6 anni (fino a 15 anni per il pubblico) e nel primo Ciclo di Programmazione, che partirà appunto a marzo, saranno disponibili già 200 milioni. Per quanto riguarda i privati cittadini il finanziamento può arrivare fino al 70%, per le imprese fino al 90%.

Il meccanismo dei finanziamenti sarà a sportello con un format semplice e non prevederà una graduatoria. Il fondo è rotativo, alimentato attraverso le rate di rimborso delle erogazioni concesse. Stiamo creando un volano che a sua volta trascinerà altri investitori e genererà un indotto di almeno il doppio del valore

ha spiegato il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini, a cui si è aggiunto l’annuncio del Ministro per lo Sviluppo Economico Corrado Passera:

Il governo sta lavorando a un conto energia per incentivare la produzione di energia da calore con il sole

ha spiegato il Ministro, annunciando l’attuazione di un programma che a dir la verità non è una novità, visto che in Germania ed in alcuni Paesi scandinavi esiste già da tempo, ma per l’Italia si tratta comunque di un importante passaggio verso il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni.

[Fonte: Corriere della Sera]

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

  1. Ho appena preso casa e la possibilità di installare un pannello solare sul tetto mi interessa moltissimo. Qualcuno ha esperienza in questo senso?
    Con l’occasione, se ci sono imprese milanesi che ci leggono, segnalo che la regione lombardia mette a disposizione dei fondi per installare dispositivi antiparticolato sui mezzi che operano in cantiere ed è possible presentare le domande entro il 15 aprile.

Lascia un commento a Clelia Ricci Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>