Ecologia e risparmio energetico con il programma Sport E2

di Valentina Ierrobino Commenta

progetto sport e2

Lo sport è una delle attività più seguite e amate da italiani ed europei, e le strutture che accolgono attività sportive rappresentano l’8% del patrimonio edilizio nell’Unione. Perché non ridurre i consumi di energia e promuovere l’efficienza energetica delle strutture per migliorare la qualità della vita nelle nostre città e ridurre le emissioni di gas serra?

Con questo obiettivo è nato il programma europeo Sport E2 Energy Efficiency for European Sport Facility per migliorare i sistemi di gestione intelligente degli edifici sportivi, per ridurre i consumi e gli scambi di energia utilizzata, per investire nelle rinnovabili e nella salute dei cittadini. Il progetto avrà un impatto molto forte perché le strutture destinate ad attività sportive rappresentano l’8% degli patrimonio edilizio europeo. Come spiegano gli esperti, gli edifici sono responsabili del 40% dei consumi di energia a livello mondiale e renderli green vuol dire per l’Unione avvicinarsi agli obiettivi 2020 e ridurre del 20% i consumi di energia e le emissioni di gas serra in Europa.

Il progetto Sport E2 permetterà di abbassare il consumo energetico e ridurre le emissioni di gas climalteranti del 30% con investimenti che nell’arco di 5 anni verranno coperti. Nel nostro Paese partecipa al programma la filiale di Schneider Electric nella realizzazione di un sistema Ict integrato per gestire i consumi, la generazione e lo scambio di energia. Nel sistema saranno 4 i moduli scalabili che si occuperanno di monitorare la produzione e il consumo energetico con tre progetti pilota che partiranno nelle strutture sportive di Italia, Spagna e Portogallo. Come spiega Ivan Mangialenti, del gruppo Schneider Electric, che partecipa al progetto assieme ad università, enti di ricerca e progettisti

La possibilità di praticare l’attività sportiva all’interno di strutture attente al risparmio energetico ed all’ambiente, avrà un impatto positivo sulle persone che se ne serviranno e che vi lavoreranno, incoraggiando comportamenti ecologicamente responsabili.

[Fonte: Adnkronos]

[Photo Credit | Thinkstock]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>