Risparmio idrico, il pesce rosso ti dice quanta acqua puoi usare

di Marco Mancini Commenta

A parole siamo tutti ambientalisti. Tutti diciamo di praticare i fondamenti del vivere ecologico come il riciclaggio, il risparmio energetico e quello idrico, ma poi delle volte non seguiamo questi “dettami” in operazioni molto semplici come ad esempio il lavaggio delle mani.

Uno stilista/ingegnere cinese che vive a Londra, Lu Yan, ha deciso di “provocare” quelle persone che hanno comportamenti poco rispettosi dell’ambiente con una specie di gioco. Il risultato è tanto intelligente e divertente quanto spaventoso.

Lu ha chiamato la sua invenzione “Poor Little Fishbowl Sink” (che si potrebbe tradurre come il lavandino del povero pesciolino nella boccia), ed offre

un modo emotivo per convincere i consumatori a pensare al risparmio idrico, rendendo tangibile il consumo.

Il lavandino, come vedete nella foto, è attaccato ad una boccia di un povero pesce rosso che inizia a perdere acqua ogni volta che qualcuno apre il rubinetto. Se lasciate scorrere l’acqua troppo a lungo, potete vedere il pesciolino rimanere con sempre meno acqua a disposizione, facendovi “sentire in colpa” e responsabili della sua morte. Come Lu spiega sul suo sito:

C’è una boccia come quella tradizionale per i pesci nel Poor Little Fishbowl Sink. Durante l’utilizzo, il livello dell’acqua nella boccia scende gradualmente (ma in realtà non sta scaricando) e torna allo stesso livello una volta che il rubinetto viene chiuso. In realtà, l’acqua del rubinetto è pulita in quanto il suo condotto non è veramente collegato alla boccia.

Il progettista ha inoltre altri progetti ecologici in mente, come una specie di macchinario in grado di trasformare gli imballaggi di cartone in decalcomanie decorative, o un altra idea legata sempre al povero pesciolino che prevede un rotolo di carta igienica soprannominato Annual Ring Tissue, che al posto del pesce utilizza il disegno degli anelli di un albero per far rendere conto alle persone degli sprechi in queste semplici operazioni. In questo modo, conclude l’ingegnere,

cerco di usare un modo inconscio per convincere la gente a pensarci bene prima di consumare.

Fonte: [Treehugger]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>