Svizzera: vince il no alle centrali nucleari

di AnnaMaria Commenta

La Svizzera dice addio alle centrali nucleari. O forse sarebbe meglio dire che “dirà addio” alle centrali nucleari, visto che il referendum che segna la fine del nucleare è passato con il 58,2% e sancisce in definitivo addio della Svizzera a nuove centrali. Tutti gli investimenti futuri in energia punteranno sulle fonti rinnovabili.

Dunque non saranno più costruite centrali nuove e il voto a favore della Strategia Energetica 2050 significa che i cittadini hanno detto sì a un complesso piano del governo che punta, entro il 2050, ad aumentare l’elettricià prodotta da fonti rinnovabili e a ridurre sensibilmente i consumi individuali con l’obiettivo di proteggere l’ambiente. Entro il 2050 quindi saranno spente le centrali di Beznau, Mühleberg, Gösgen e Leibstad.

> CENTRALI NUCLEARI E ABORTI, UNA RICERCA TEDESCA EVIDENZIA LA CORRELAZIONE

Le previsioni per la vigilia del referendum davano il sì al 53% ma la soglia è stata ampiamente superata, con risultati estremamente netti per le città di Zurigo e Ginevra dove il consenso al referendum è arrivato al 60%. Si tratta di un passo storico perchè la Svizzera era stato il primo Paese al mondo ad affidarsi al nucleare ed è anche il Paese nel quale l’opinione pubblica non sempre è stata convinta dell’abbandono delle centrali.

> NUCLEARE, ECCO IL PIANO PER SMANTELLARE LA CENTRALE DI CAORSO

Adesso però viene la parte più complessa e sarà il momento di affrontare i problemi reali: come centrare l’obbietivo del 2050? Secondo L’Udc il traguardo comporterà un aumento delle tasse per i cittadini svizzeri e un forte aumento della spesa pubblica per incentivare le energie alternative e rimodernare gli impianti domestici, anche perchè la Svizzera punta ad alimentarsi con fonti «pulite» come eolico e solare, di cui però non sembra avere enormi disponibilità.

> IN FRANCIA 350 COCCODRILLI VIVONO GRAZIE A UNA CENTRALE NUCLEARE

Ma una cosa è certa, il referendum segna un drastico cambiamento verso una politica energetica moderna che tiene in considerazione l’ambiente. E’ una vittoria che in fondo ci auguriamo anche per altri Paesi Europei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>