In Taiwan sarà vietato mangiare i cani

di AnnaMaria Commenta

Per la prima volta in un paese asiatico viene proibito il consumo della carne di cane. Eppure si tratta di un’abitudine molto diffusa nei paese dell’Est del mondo, come la Cina e la Corea del Sud dove l’usanza di mangiare la carne di cane è dura da debellare.
Cani mare gallery
Taiwan quindi sarà il primo paese dell’Asia orientale a vietare il consumo di carne di cane e di gatto: chiunque la compri o la mangi può essere condannato a una multa fino a 7.700 euro circa. A partire dal 2008 sull’isola era vietata la macellazione e la vendita di carne ma ancora resisteva un florido mercato nero, dovuto anche alle richieste da parte di chi non aveva intenzione di rinunciare a questa tradizione. Ma adesso che il governo ha raddoppiato le pene estendendole anche a chi la mangia – e non più soltanto a chi macella e vende – si spera che questa usanza vada piano piano a morire. Secondo le nuove regole infatti chi causa volontariamente del male a un cane o a un gatto può essere condannato a un massimo di due anni di prigione e a più di 60 mila euro di multa.

> CARNE DI CANE SERVITA NEI RISTORANTI, LO SCANDALO E’ IN MAROCCO

Ma anche se leggi si sono fatte più dure la tradizione secolare di mangiare carne di cane continua ad essere radicata e la carne di cane è considerata una prelibatezza in diversi paesi dell’Asia orientale, nonostante le proteste degli animalisti di tutto il mondo. Infatti ancora il suo consumo è legale in Cina, Corea del Sud e Filippine, addirittura a Yulin, nel sud della Cina, ogni estate si tiene un festival di dieci giorni dedicato al consumo del cane durante il quale, in dieci giorni, vengono uccisi e mangiati almeno 10 mila cani.

> CARNE DI CANE AL RISTORANTE, ACCADE IN CINA

Il consumo di carne di cane è davvero molto diffuso. Secondo le stime di Humane Society International in Asia vengono uccisi ogni anno 30 milioni di cani, ma la maggioranza della popolazione non li mangia regolarmente. Stando a uno studio del 2015 di Animal Asia, meno di un quarto degli abitanti delle grandi città cinesi come Pechino o Shanghai avevano mangiato carne di cane nei due anni precedenti.

> SCANDALI ALIMENTARI IN INGHILTERRA: CARNE NON IDENTIFICATA NEI CIBI D’ASPORTO, FORSE CANE

I più giovani sudcoreani sembrano aver già abbandonato la tradizione eppure l’Animal Welfare Institute, un’organizzazione non profit americana, ha calcolato che in Corea del Sud vengono ancora uccisi due milioni di cani all’anno. Si spera che la decisione di Taiwan possa fare da esempio altri paesi della zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>