Aerei: l’Europa pensa ad una tassa sui gas serra?

 
Marco Mancini
15 agosto 2011
Commenta

La prima ad aver avuto quest’idea è stata la Germania quando, il mese scorso, ha annunciato di voler mettere un’eco-tassa sugli aerei. Secondo quanto riportato dal Global Post, quest’idea è piaciuta all’Europa che ha deciso di estendere la carbon tax su tutte le compagnie aeree che volano dentro e fuori dai confini dei Paesi membri.

L’accordo ovviamente ha trovato la dura opposizione delle compagnie aeree. Secondo il Post, dal primo gennaio del prossimo anno, l’industria del trasporto aereo sarà costretta ad entrare nel sistema di carbon trading varato dall’UE che già comprende le altre industrie inquinanti. Ma anche se il sistema di scambio di crediti di carbonio piace molto a livello internazionale, molti Governi non-UE hanno respinto il piano. In particolare proprio quelli che più di tutti inquinano, come Stati Uniti, Cina, India e Russia. E proprio su questo puntano le compagnie aeree. Se quelle nazioni non impongono tasse, non dovrebbe farlo nemmeno l’Unione Europea.

Le loro lamentele principali riguardano l’mpossibilità per l’UE di inserire tali commissioni in assenza di un accordo globale, o di qualsiasi misura reciproca presa con altri governi (in breve: o tutti o nessuno). Inoltre pare che la tassa verrebbe poi versata nelle casse di ogni singolo Paese europeo, e non investita in progetti per combattere il riscaldamento globale, per la ricerca e lo sviluppo, nuove tecnologie per l’aviazione o qualsiasi altro strumento per proteggere l’ambiente. Insomma, le compagnie aeree non vogliono far arricchire gli Stati.

Queste sono le lamentele rese pubbliche dalle compagnie, ma si capisce che il vero motivo per cui protestano è che in questo modo i loro margini di guadagno dovranno necessariamente assottigliarsi. A meno che i progetti come quello tedesco dei biocarburanti sugli aerei non siano presi seriamente in considerazione. L’impressione è che finché almeno Stati Uniti e Cina non si muoveranno in questa direzione, non cambierà molto.

[Fonte: Treehugger]

Articoli Correlati
YARPP
Emissioni aerei, le compagnie extraeuropee decidono regole autonome

Emissioni aerei, le compagnie extraeuropee decidono regole autonome

Da un paio di mesi a questa parte, da quando cioè sono entrate in vigore le nuove leggi europee che prevedono il pagamento della tassa sull’inquinamento da parte delle compagnie […]

Tassa sulle emissioni CO2, il no di Pechino

Tassa sulle emissioni CO2, il no di Pechino

Pechino non pagherà la tassa sulle emissioni di CO2 stabilita dall’Unione per limitare lo smog e l’inquinamento delle compagnie aeree. E’ entrata in vigore il 1 gennaio 2012 la tassa […]

Emissioni aerei, la Cina vieta alle sue compagnie di pagare la tassa europea

Emissioni aerei, la Cina vieta alle sue compagnie di pagare la tassa europea

Come abbiamo illustrato tempo fa, dall’inizio di quest’anno qualsiasi aereo che percorra i cieli europei dovrà pagare una tassa. Si tratta di una sorta di eco-tassa che è commisurata in […]

Inquinamento, pronti progetti per dimezzare la CO2 degli aerei entro il 2050

Inquinamento, pronti progetti per dimezzare la CO2 degli aerei entro il 2050

La riduzione dell’inquinamento è diventata la priorità per la maggior parte delle organizzazioni e dei Governi mondiali, e così non poteva mancare l’apporto di uno dei settori a più alto […]

Eco-tassa sugli aerei, accade in Germania

Eco-tassa sugli aerei, accade in Germania

Tutti sanno ormai che gli Stati europei hanno iniziato a stringere la cinghia, ma mentre alcuni Paesi con poca fantasia (come l’Italia) pensano solo a tagliare, tagliare e ancora tagliare, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento