Water Forum 2011: come cambia il problema dell’acqua di fronte ai cambiamenti climatici

di Marco Mancini Commenta

Gli avvenimenti di questi giorni, a proposito delle alluvioni e non solo, hanno messo in mostra chiaramente la situazione critica verso cui i cambiamenti climatici ci stanno portando. Per questo cambia anche il modo di gestire l’acqua, ed è ciò di cui si sta discutendo al Water Forum di Roma, in un incontro tra Italia e Paesi Bassi per trovare una soluzione internazionale al problema.

E chi meglio di un Paese che da secoli vive sotto il livello del mare ci può aiutare con questo genere di problematiche? L’obiettivo degli incontri è di condividere le idee, le tecnologie e le competenze sulla prevenzione delle inondazioni e proteggere le coste. Spiega Carlo Trevisani, vice presidente di Confindustria per le infrastrutture, logistica e mobilità:

Il Water Forum nasce con l’obiettivo di guardare al settore dell’acqua come opportunità di business per le imprese italiane e olandesi, focalizzando l’attenzione sugli aspetti di natura infrastrutturale per trasformare l’acqua in un asset di crescita industriale ed economica. L’Olanda vanta un’esperienza di alto livello e le sue imprese, leader nel mondo per l’ingegneria e le tecnologie di costruzioni in acqua, hanno un know-how consolidato ma in costante evoluzione. L’Italia opera in questo settore in maniera ancora parziale, sebbene possa contare su eccellenze riconosciute a livello globale. È assolutamente fondamentale che in un contesto economico di crisi come quello che sta attraversando il Paese, l’innovazione e la ricerca, in questo come in altri settori produttivi, diventino le chiavi per aprire le porte del rilancio economico e della crescita. Occorrono, quindi, policy di settore orientate a sfruttare le opportunità economiche che l’acqua ci offre e, allo stesso tempo, a proteggere il nostro Paese.

Insomma, dovremmo cambiare la nostra visione dell’acqua, e farla diventare simile a quella degli olandesi spiegata dall’ambasciatore olandese in Italia che ha illustrato come l’acqua può essere un’amica, non una nemica, ed anzi, un’opportunità. L’obiettivo della collaborazione è di avviare una serie di lavori che garantiscano la sicurezza dall’acqua almeno fino al 2100, un obiettivo ambizioso, non c’è che dire.

Quel che conta non è reagire a disastri avvenuti ma agire prima che essi avvengano

ha affermato il commissario del Governo olandese per il Programma Delta Wim Kuijkem, ed è anche ciò che in Italia si dice da anni ma non si attua mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>