WWF Italia e Birdlife Malta insieme per le cicogne

di Paola P. 4

hpim20271.jpg

Al via un progetto per la protezione delle cicogne e dei rapaci in migrazione sullo Stretto di Messina. L’iniziativa è stata promossa dal WWF Italia in collaborazione con l’Associazione Mediterranea per la Natura e Birdlife Malta.
Organizzato un campo internazionale le cui date in Sicilia vanno dal 12 aprile al 25 maggio, e a Malta dal 14 al 19 aprile.

L’intervento nasce a tutela delle centinaia di rapaci e cicogne che ogni anno vengono uccise, mentre passano sullo Stretto di Messina. Questa carneficina va avanti da molti anni, nonostante la legge vieti gli appostamenti fissi, e avviene anche in periodi in cui la stagione della caccia è chiusa.


Sin dal 1981 il WWF organizza dei campi internazionali con centinaia di volontari, per contrastare il bracconaggio e ogni anno diminuisce drasticamente il numero di uccelli migratori uccisi.
Nel 1984 hanno attraversato lo Stretto 3198 rapaci e si sono registrati 1185 spari.
Nel 2007 c’è stata una grande migrazione con 38.367 volatili, dei quali oltre 33000 appartenevano alla specie dei falchi pecchiaioli. Gli spari sono stati soltanto tre e provenivano da una casa: i bracconieri rimasti sparano dalle loro dimore, per eludere i sorveglianti. Purtroppo c’è stata l’uccisione di un falco di palude.

Con i venti che provengono da Nord la migrazione non comporta rischi.
Al contrario quando i venti soffiano da Sud-Est, gli uccelli migrano con volo battuto, molto bassi al suolo e possono essere colpiti facilmente dai cacciatori.
Occorre quindi presidiare ogni anno le rotte dei rapaci, per non perdere i grandi risultati ottenuti finora e per evitare che il bracconaggio ricominci, ancora più brutalmente.

pfalcon2.jpg
Le specie che migrano ogni anno a primavera, passando sullo Stretto di Messina sono: il Falco pecchiaiolo, il Falco di Palude, il Nibbio bruno, il Grillaio, il Lodolaio, il Falco della Regina, la Poiana codabianca, la Poiana delle Steppe, l’Albanella pallida, il Gheppio, il Capovaccaio, il Falco pellegrino (nella foto), l’Aquila minore, la Cicogna bianca e quella nera, un totale di 38 specie diverse.

Per saperne di più sui campi di quest’anno, in collaborazione con Birdlife Malta, sul sito del WWF si trovano maggiori ndicazioni e i numeri da chiamare per partecipare all’iniziativa.
Può essere un’idea per dare il benvenuto alla Primavera, aiutando lo svolgimento di uno degli aspetti che ne segna da anni l’arrivo: la migrazione degli uccelli.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>