Animali a rischio estinzione, al via progetto lupo Wwf

di Valentina Ierrobino Commenta

lupo animali rischio estinzione wwfTra gli animali a rischio estinzione nel nostro Paese c’è il lupo. Studi e ricerche xcondotti dal Wwf Italia stimano che ogni anno ne vengono uccisi oltre 100 esemplari. Il motivo principale continua ad essere il bracconaggio, seguono poi la frammentazione e il degrado dell’habitat naturale. Era il 1976 quando il Parco Nazionale d’Abruzzo organizzò il primo progetto di tutela e conservazione del lupo assieme all’associazione ambientalista, la “Operazione San Francesco”; ed oggi dopo oltre 40 anni la situazione non solo non è cambiata, ma è peggiorata.

In Italia vivono circa 800-1.000 lupi sulle Alpi Orientalu e in quelle Centrali, e lungo gli Appennini. Di essi ogni anno almeno 100 vengono uccisi da bocconi avvelenati o vengono impallinati dai bracconieri, o finiscono in trappole o lacci, altri vengono feriti da automobilisti incoscienti. Per fermare la strage e per sostenere la biodiversità Wwf Italia lancia il progetto lupo, una raccolta fondi con l’obiettivo di sostenere diverse iniziative:

  • Fermare il bracconaggio (costo 80.000 euro l’anno);
  • Prendersi cura degli esemplari feriti dai bracconieri o investiti sulle strade e ricoverati nei Centri di recupero per Animali selvatici del Wwf (60.000 euro l’anno);
  • Promuovere l’impiego di tecniche tradizionali di pastorizia per scoraggiare eventuali attacchi dei lupi agli allevamenti, e diminuire il conflitto uomo-lupo (50.000 euro l’anno);
  • Creare corridoi verdi protetti per salvaguardare i lupi da pericoli e minacce nei boschi (40.000 euro l’anno);
  • Aumentare la sorveglianza nei luoghi dove sono sono stati avvistati più lupi (30.000 euro l’anno).

E’ possibile sostenere il progetto lupo del Wwf con donazioni minime di 10 euro. Sono pochi soldi per noi ma possono diventare moltissimi se la partecipazione sarà di massa. Solo in questo modo si possono mettere in atto strategie di difesa  concrete e di salvaguardia del lupo e della biodiversità nei boschi alpini e appennini, ma anche Parchi naturali e nelle aree protette.

[Fonte e foto: Wwf Italia]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>