Conclusa la decade più calda della storia

di Paola P. 4

Una nuova analisi sulla temperatura della superficie terrestre da parte degli scienziati della NASA ha rilevato che l’anno appena passato è stato il secondo più caldo dal 1880. Nell’emisfero meridionale invece, il 2009 è stato l’anno più caldo mai registrato. Anche se il 2008 è stato l’anno più freddo del decennio a causa di una forte influenza de La Nina che raffreddato l’Oceano Pacifico, il 2009 ha visto il ritorno ad un quasi-record delle temperature globali, secondo la nuova analisi da parte del NASA’s Goddard Institute for Space Studies (GISS) di New York.

L’anno scorso è stato di una piccola frazione di grado più freddo rispetto al 2005, il più caldo mai registrato, mettendo il 2009 in un legame virtuale con un gruppo di altri anni – 1998, 2002, 2003, 2006 e 2007 – i più caldi della storia.

C’è sempre interesse per il numero annuale di temperature e il posizionamento di un determinato anno, ma la classifica manca spesso il punto. C’è sostanziale variabilità di anno in anno nella temperatura globale causata dalle correnti tropicali El Nino-La Nina. Quando la temperatura media nell’arco di cinque o dieci anni riduce al minimo la variabilità, troviamo che il riscaldamento globale continua senza sosta

ha spiegato James Hansen, direttore GISS. Dal gennaio 2000 al dicembre 2009 è stato il decennio più caldo mai registrato. Guardando indietro fino al 1880, quando la moderna strumentazione scientifica si è resa disponibile per monitorare le temperature con precisione, una chiara tendenza al riscaldamento è presente, anche se c’è stato un livellamento tra il 1940 e il 1970.

Negli ultimi tre decenni, il record di temperatura superficiale mostra una tendenza al rialzo di circa 0,2° C per decennio. In totale, le temperature medie globali sono aumentate di circa 0,8° C dal 1880. Spiega il climatologo GISS Gavin Schmidt:

Questo è un numero importante da tenere a mente. La differenza tra il secondo e il sesto più caldo è banale, perché l’incertezza conosciuta nel misurare la temperatura è più grande di alcune delle differenze tra gli anni più caldi.

Il quasi-record delle temperature globali del 2009 si è verificato nonostante un insolitamente freddo dicembre. Le alte pressioni d’aria dal Mar Artico hanno diminuito il flusso est-ovest della corrente, mentre aumenta la sua tendenza a soffiare da nord a sud. Il risultato è stato un effetto insolito che ha causato aria fredda dal Mar Artico fino in Nord America e ha riscaldato l’aria a latitudini sempre più verso il Nord.

Il GISS utilizza i dati a disposizione del pubblico da tre fonti per condurre la sua analisi della temperatura. Le fonti sono i dati meteorologici provenienti da più di un migliaio di stazioni meteorologiche di tutto il mondo, le osservazioni satellitari delle temperature della superficie del mare, e le misure nella stazione antartica di ricerca. Ha concluso Hansen:

Negli ultimi dieci anni, il riscaldamento globale non si è fermato.

Fonte: [Sciencedaily]

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.