L’energia idroelettrica entra nel castello di Windsor

di Marco Mancini 1

L’eco-attivismo del Principe Carlo deve avere trovato un’adepta d’eccezione, sua madre la Regina Elisabetta d’Inghilterra. La titolare del trono britannico ha infatti autorizzato la costruzione di un mega impianto idroelettrico nei pressi del castello di Windsor, la sua residenza, in grado di fornire energia pulita alla struttura e persino produrne altra in surplus che verrà rivenduta alla rete elettrica nazionale.

Si tratta di un sistema basato sul concetto della “vite di Archimede”, un sistema che alza meccanicamente il livello dell’acqua (in questo caso si tratta del Tamigi), e grazie a questo movimento costante produce energia che viene trasformata in elettricità. Secondo gli sviluppatori non dovrebbe arrivare subito a coprire il 100% del fabbisogno energetico del palazzo, ma potrebbe arrivarci in futuro.

Questo sistema infatti può arrivare a produrre 1.7m Kw/h annui, una quantità sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico di 400 abitazioni, e alla fine dei conti non è costato nemmeno tanto, visto che in totale l’opera è stata pagata meno di 2 milioni di euro. Molto probabilmente gli ambientalisti più sfegatati si staranno chiedendo che impatto può avere una struttura simile, di 40 tonnellate, sull’ecosistema. Di fronte ad un investimento del genere i progettisti non potevano lasciarsi sfuggire questi dettagli, e così hanno provveduto a realizzare due “corridoi” che permettono ai pesci di passare attraverso la struttura senza problemi, come accade per i salmoni che in quel tratto sono soliti risalire la corrente. In questo modo non verrebbero in contatto con gli impianti.

Il sistema dovrebbe arrivare nel punto prestabilito entro la fine del mese, entrare in funzione a novembre, e si prevede possa coprire la totalità del fabbisogno energetico del castello di Windsor entro un anno. Emissioni risparmiate stimate: 790 tonnellate all’anno di CO2, niente male, considerando che essendo una delle residenze più importanti del mondo, potrebbe servire da esempio per altre strutture simili e per i milioni di britannici che, con le dovute proporzioni, potrebbero imitare il comportamento dei loro reali.

[Fonte: Daily Mail]

Commenti (1)

  1. Please let me know if you’re looking for a author for your weblog.

    You have some really great articles and I think I would be a good asset.
    If you ever want to take some of the load off, I’d love to write some articles for your blog in exchange for a link back to mine.
    Please blast me an email if interested. Thank you!

    Also visit my blog post; ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.