Fotovoltaico Klimaleader e Associazione Terre dei Peligni

di Fil Commenta

fotovoltaico-edificiIn Abruzzo la società Klimaleader, operante da 25 anni nel risparmio energetico e nella tutela dell’ambiente, e sei comuni abruzzesi, hanno unito le forze per dare avvio ad un progetto di diffusione di sistemi di produzione di energia da fonte fotovoltaica, prevalentemente di piccola taglia, sulle tettoie, pensiline, edifici artigianali ed abitazioni. I sei comuni abruzzesi, che a loro volta si sono riuniti nell’Associazione Terre dei Peligni, sono quelli di Secinaro, Pratola Peligna, Corfinio, Raiano, Prezza e Vittorito.

A sostegno del progetto sono due le banche partner; una è la Banca Monte dei Paschi di Siena, ed in particolare la filiale di Popoli; l’altra è la Banca dell’Adriatico, appartenente al gruppo Intesa Sanpaolo, con le filiali di Sulmona e di Pratola Peligna. Il progetto, sempre nel rispetto dello “zero consumo di suolo“, è quello di promuovere e diffondere la cultura del risparmio energetico, abbattere le emissioni di anidride carbonica (CO2) producendo energia pulita, e promuovere in via indiretta l’occupazione sul territorio.

Il progetto, che offre in tutto e per tutto gli incentivi economici statali, e che quindi a regime permetterà di conseguire una rendita economica, è aperto ai proprietari di immobili, alle famiglie ed alle piccole attività produttive. Ma quanto costa realizzare un impianto? Ebbene, al riguardo Klimaleader fa presente che per un impianto di 3kWp l’investimento è di circa 16.500 euro cui va aggiunta l’imposta sul valore aggiunto (IVA) al 10%; a fronte di tale costo, il titolare dell’impianto ha un sistema realizzato con materiali aventi una qualità elevata e che, quindi, è in grado di durare nel tempo; l’investimento, una volta che l’impianto viene messo in funzione, può essere poi “ripagato” nell’arco di circa otto-dieci anni.

Nel momento in cui scadrà il termine di fruizione dell’incentivo statale, attualmente fissato in 20 anni, l’impianto poi continuerà a produrre energia elettrica negli anni successivi e per il proprio consumo in virtù del fatto che gli impianti di produzione di energia fotovoltaica durano dai 25 ai 30 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>