No agli F-35, ecco cosa si potrebbe fare per l’ambiente con 13 mld di euro

di Redazione Commenta

Tutti sono a conoscenza delle immani polemiche legate all’acquisto degli F-35 da parte del nostro governo: 13 miliardi di euro il costo (secondo altre stime oltre 15 miliardi), e tra i tanti italiani infuriati per lo spreco immane di denaro pubblico, ci sono anche gli ambientalisti. Lifegate spiega cosa si potrebbe fare per l’ambiente con una cifra così imponente.

Inutile girarci intorno, gli italiani favorevoli alla spesa di 13 miliardi di euro, più i costi di esercizio e manutenzione, per l’acquisto degli F-35 sono davvero pochi. In un periodo di crisi così nera per il nostro paese, secondo i più si tratta di un’autentica follia, e le giustificazioni addotte dal Ministero della Difesa per un simile acquisto proprio non convincono.

Ma cosa si potrebbe fare, in ottica green, con 13 miliardi di euro? Lifegate (che peraltro sta raccogliendo le opinioni in merito dei cittadini tramite la campagna su Twitter #ZeroF35) dice la sua attraverso la voce del suo fondatore e presidente, Marco Roveda:

Con 13 miliardi di euro, […] si potrebbero fare moltissime altre cose, più utili al Paese, alle persone e all’ambiente, ad esempio si potrebbe risolvere il dissesto idrogeologico in Meridione. Secondo la stima di Legambiente, la cifra consentirebbe di mettere in sicurezza tutto il territorio del Sud Italia: ripiantumazione di alberi, niente frane e nuovi acquedotti senza più perdite. Oppure lo Stato potrebbe risarcire i danni arrecati da tutte le alluvioni avvenute in Italia da Sarno a oggi. Se pensiamo alla salute del pianeta con 13 miliardi di euro, secondo le stime di Impatto Zero, sarebbe possibile riqualificare e riforestare 650.000 ettari di territorio italiano, l’equivalente di 928.570 stadi di San Siro. Nuove aree verdi in grado di assorbire 3,25 milioni di tonnellate di Co2 e produrre ossigeno per 12.350.000 di persone.

Quante cose si potrebbero fare con 13 miliardi di euro… Si potrebbe risolvere una volta per tutte il problema della rete idrica che perde, rilanciare ad altissimo livello la spinta alle rinnovabili, finanziare come mai prima la ricerca sulle rinnovabili e l’ecosostenibilità, e moltissime altre cose. Una piccola frazione di quella somma, per esempio, basterebbe a risanare i bilanci di tutti i parchi nazionali d’Italia. Sono semplicemente innumerevoli le possibili rivoluzioni green che si potrebbero innescare con tale cifra.

Ma oggi il parlamento vota. E a meno di clamorose sorprese, comprerà un set di cacciabombardieri dalla dubbia utilità.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.