L’orso polare “cacciato” dal suo habitat

di Redazione 1

Uno studio a lungo termine, che mostra i cambiamenti negli habitat degli orsi polari in risposta ai cambiamenti delle condizioni del ghiaccio marino nella parte meridionale del Mare di Beaufort, in Alaska, ha mostrato che l’orso polare è stato letteralmente “sfrattato” dalla sua terra a causa dei mutamenti climatici.

Karyn Rode, un biologo che studia gli orsi polari con la US Fish and Wildlife Service ad Anchorage, in Alaska, afferma che i dati raccolti tra il 1979 e il 2005 mostrano che gli orsi polari sono stati avvistati sempre più spesso sulla terra e in mare aperto, e sempre meno frequentemente sul ghiaccio durante l’autunno. Questo significa che c’è una maggiore possibilità di interazione con gli umani. Il documento è stato pubblicato nel numero di dicembre di Arctic, la rivista dell’Istituto Artico del Nord America.

Gli orsi polari sono stati osservati per oltre 27 anni, e contemporanemante sono state registrate anche le condizioni del ghiaccio. I dati hanno dimostrato che quando le condizioni del ghiaccio sono cambiate, gli orsi hanno trovato habitat diversi in cui sopravvivere. Tra il 1979 e il 1987, il 12% degli avvistamenti sono stati effettuati in zone senza ghiaccio. Tra il 1997 e il 2005 invece, il 90% degli avvistamenti avvenivano in questo genere di zone.

Quando gli orsi sono stati visti, erano più spesso notati in mare aperto e sulla terra che sul ghiaccio marino. Allo stesso tempo, i cambiamenti sono stati osservati nel ghiaccio, suggerendo che queste osservazioni siano collegate

spiega Rode. Inoltre, il numero degli orsi avvistati in costante aumento sono passati da 138 orsi nel 1979-1987, a 271 tra il 1988 e il 1996, e infine a 468 orsi tra il 1997 e il 2005. Rode avverte che questo studio non è stato progettato per stimare il numero di orsi nell’area. In realtà i dati sono stati elaborati da studi creati per tracciare le rotte migratorie delle balene della Groenlandia, non per osservare gli orsi polari. Pertanto si intuisce che gli orsi sono sempre più frequenti nelle acque al largo della costa del Mare di Beaufort meridionale, dove non dovrebbero essere. Secondo Rode

gli orsi utilizzano l’area terrestre negli ultimi anni, perché il loro habitat preferito, il ghiaccio marino, non è più disponibile […] questo dimostra che vi è stato uno spostamento dell’habitat.

Nella regione del Mare di Beaufort, c’era meno ghiaccio nel 2005 rispetto al termine del periodo di studio iniziato nel 1979. I giorni di estate in cui il ghiaccio si fonde sono aumentati di 13 giorni per decade. Questa è una delle ragioni che spiegano la rapida ritirata del ghiaccio dalla regione, la quale fornisce una più spessa e stabile piattaforma per la caccia di frodo.

Fonte: [Sciencedaily]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.