Pesca sostenibile: cos’è e perché ne abbiamo così bisogno

di Paola P. 4

L’aumento degli aiuti provenienti dai Paesi sviluppati, destinati specificamente per le infrastrutture di pesca sostenibile nei Paesi in via di sviluppo, potrebbe migliorare la sicurezza alimentare globale, secondo un documento politico redatto da un gruppo internazionale di lavoro di 20 economisti, scienziati marini ed esperti del mare pubblicato sulla rivista Science. I frutti di mare sono una fonte importante di proteine per quasi 3 miliardi di persone in tutto il pianeta, contribuendo per il sostentamento di oltre 560 milioni di persone. Ma una mancanza di una politica coordinata minaccia le forniture di pesce a livello mondiale.

Per contribuire a garantire un approvvigionamento futuro

il prezzo del pesce deve riflettere il costo di mantenimento della salute dell’ecosistema nei Paesi che lo pescano o per la maggior parte delle aziende agricole. Molte sono le importazioni provenienti dai Paesi in via di sviluppo che non sono in una posizione ottimale per gestire le proprie risorse in modo sostenibile

afferma Martin D. Smith, autore del libro e professore associato di economia ambientale Duke University’s Nicholas School of the Environment.

In un mondo ideale, ogni Paese governa le proprie risorse e il commercio di pesce e contribuisce alla crescita economica mondiale e alla sicurezza alimentare. Ma non è questo il mondo in cui viviamo adesso

aggiunge Smith. I Paesi in via di sviluppo possono produrre più frutti di quanto possano consumare, l’esportano e utilizzano i proventi per l’acquisto di altri alimenti, prodotti o servizi. Nel loro articolo, Smith e i suoi co-autori esaminano i complessi fattori ambientali, politici ed economici che mettono a rischio le forniture di pesce a livello mondiale ed i mezzi di sostentamento.

Problemi di proprietà di risorse e di Governo sono in cima alla lista

spiega Cathy A. Roheim dell’Università di Rhode Island. Nessuno possiede stock ittici o ha il controllo esclusivo di ciò che i limiti alla pesca dovrebbero essere, o di che tipo di attrezzi o pratiche possono essere utilizzate. Questo ha spinto molti stock oltre il rendimento massimo sostenibile, e ha portato al ruolo precario attuale della pesca in materia di sicurezza alimentare. Allo stesso tempo,

l’acquacoltura (allevamento di pesce) è una grande promessa per migliorare la sicurezza alimentare, ma è anche minacciata, quando la normativa non riesce a proteggere gli ecosistemi di supporto.

Smith, Roheim e i loro colleghi pesano i pro e i contro delle tre opzioni politiche per sostenere la produzione di frutti di mare. Le politiche commerciali, come il divieto di importazione e i dazi potrebbero essere utilizzati per punire i Paesi che non rispettano gli standard di sostenibilità, ma dice Smith

questi sono piuttosto armi a doppio taglio. Nel breve periodo, si può finire per danneggiare le persone che sono più vulnerabili.

Incentivi privati, come ad esempio ecolabeling, che aumentano il prezzo del pesce per contribuire a pagare le pratiche sostenibili, sono un’altra opzione. Ma non è chiaro se i consumatori pagherebbero volentieri di più per i frutti di mare sostenibili. E l’aumento dei prezzi dei prodotti ad alto valore come i gamberetti o il tonno, che sono per lo più esportati verso i Paesi sviluppati, potrebbe ritorcersi contro. I consumatori potrebbero poi cercare alternative meno costose, mandando in crisi l’economia di alcuni Paesi in via di sviluppo. Questo può aumentare i prezzi dei prodotti e abbassare il valore, mandando certi prodotti fuori della portata dei più poveri.

Una terza opzione – l’assegnazione di maggiori aiuti stranieri per le infrastrutture sostenibili nei Paesi in via di sviluppo – offre chiari vantaggi, crede Smith. Con uno specifico stanziamento di aiuti per gli attrezzi per la  pesca sostenibile, il miglioramento della gestione, impianti di acquacoltura sostenibili, sicurezza alimentare, la salvaguardia della salute dell’ecosistema, e rafforzare il commercio di frutti di mare senza causare disagi a breve termine per i consumatori o produttori potrebbe essere la soluzione migliore.

Peccato che, conclude Smith, questa sia

una opzione che è spesso trascurata.

Fonte: [Sciencedaily]

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.