Ecobonus 2013, tutte le novità per usufruire delle detrazioni

di Valentina Ierrobino 1

ecobonus 2013 detrazioni novità

La Camera ha dato il via libera alle  detrazioni fino al 65% per l’efficienza energetica, ossia agli Ecobonus 2013 applicabili in molti casi: dal consolidamento antisismico all’IVA sui libri scolastici. Ma vediamo in dettaglio come poter usufruire delle detrazioni e come migliorare la propria abitazione per avere un maggior risparmio di energia, e di denaro.
Per prima cosa va detto che anche per il decreto sugli Ecobonus per l’anno 2013 e per il prossimo, almeno, l’Italia non fa altro che aderire ad una direttiva europea per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici. Già era noto che le detrazioni del 65% fossero applicate per l’efficienza energetica, ma l’esecutivo ha introdotto in queste ore nuove possibilità di ottenere gli ecobonus per l’anno 2013 anche per l’adeguamento antisismico e per molti altri settori. Si potranno ottenere detrazioni d’imposta del 65% in 10 anni, per le spese di sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore ad alta efficienza, o per impianti geotermici sia per il riscaldamento domestico che per il riscaldamento dell’acqua. Per interventi di consolidamento antisismico per le abitazioni e i capannoni che sono localizzati nelle aree ad alta pericolosità sismica. Si potranno richiedere detrazioni anche per acquisti di grandi elettrodomestici di classe non inferiore a A+, e per i forni di classe A, e di mobili per le case sottoposte a ristrutturazione, per una spesa massima di 10.000 euro.

Inoltre gli Ecobonus saranno applicati con detrazioni IRPEF dal 36 al 50% per le spese di ristruttuazione fatte entro al 31 dicembre 2013, per un limite di 96.000 euro. Entro il 2014 gli Ecobonus saranno stabilizzati con la Legge di Stabilità per detrazioni anche su depurazione delle acque contaminate da arsenico e sostituzione di coperture in amianto negli edifici. Infine, entro il 31 dicembre 2020 i nuovi edifici, compresi scuole ed ospedali per i quali la scadenza è il 31 dicembre 2018, dovranno essere ad energia quasi zero.

[Fonte: LaStampa]

[Photo Credit | Thinkstock]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>