In Italia 56 mila specie viventi, il paese con maggior diversità in Europa

di Matteo Carriero 3

In Italia sono presenti 56 mila specie viventi, secondo il recente studio “Parchi nazionali: dal capitale naturale alla contabilità ambientale”, realizzato a cura del ministero dell’Ambiente. Si tratta del paese con maggior diversità biologica in Europa.

Lo studio dedicato ai parchi nazionali e al capitale naturale italiano del ministero dell’Ambiente rappresenta un interessante documento che classifica e ordina un ampissimo numero di specie viventi italiane, dalle piante ai mammiferi passando per insetti e invertebrati di ogni genere. A livello di flora le foreste più imponenti nell’ambito dei parchi sono faggete e querceti, si calcola inoltre che i nostri parchi nazionali abbiano permesse di ridurre l’urbanizzazione del 4,5% nelle aree protette.

Lo studio che classifica 56 mila specie viventi in Italia, di cui i parchi nazionali rappresentano habitat fondamentali, è collegato alla Strategia nazionale della biodiversità. Tale documento, ha sottolineato il ministro Clini durante la presentazione,

è stato definito un sistema di ‘contabilità ambientale’ nelle aree protette a partire da una ricognizione integrata e coordinata del patrimonio naturalistico noto e presente nei nostri parchi nazionali. Il risultato è di rilievo: i parchi nazionali sono rappresentativi delle peculiari ricchezze naturalistiche del nostro paese e il livello di conservazione e salvaguardia naturale nei nostri parchi è concreto ed effettivo, maggiore rispetto alle aree non tutelate.

Il rapporto “Parchi nazionali: dal capitale naturale alla contabilità ambientale” rappresenta un lavoro estremamente interessante: ci auguriamo che a tutto ciò si possano accompagnare nell’immediato futuro misure di valorizzazione dei nostri tanti parchi nazionali, e non solo, anche misure più severe per il rispetto dell’ambiente più nel complesso. Clini ha affermato:

l’emergenza dei cambiamenti climatici richiede di rafforzare ed estendere la ‘resilienza’ dei sistemi naturali. E perché la crisi economica ci impone di adottare nuovi modelli basati sulla conservazione e valorizzazione efficiente delle risorse naturali, che sono il nostro ‘petrolio’.

Splendide parole, che senz’altro condividiamo. Ma vorremmo in futuro poter assistere a politiche concrete che collimino maggiormente con le buone intenzioni espresse.

Photo credits | Bruno C. su Flickr

Commenti (3)

  1. Asking questions are in fact pleasant thing if you are not understanding something totally, but this paragraph
    offers nice understanding yet.

    Look at my web site: ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.