Lampadine ad incandescenza, trattate con il laser diventano più efficienti

di Paola P. Commenta

lampadina-ad-incandescenza-efficiente

Per tutti coloro i quali sono reticenti a cambiare abitudini e a passare dalle lampade ad incandescenza a quelle ad alta efficienza energetica, una ricerca americana ha trovato la soluzione. Un laser ultra-potente può regolare le lampadine ad incandescenza in lampade a risparmio energetico.

I ricercatori dell’Università di Rochester riferiscono di essere riusciti a far illuminare un bulbo di 100 watt consumando meno elettricità di una lampadina da 60 watt, pur rimanendo di gran lunga meno costosa e capace di irradiare una luce più potente. Il processo laser crea un unico raggio in una nano-struttura in micro scala sulla superficie di un filamento di tungsteno di una comune lampadina, con l’unica differenza che però questa diventa molto più efficace e irradia più luce.

I risultati saranno pubblicati nel prossimo numero della rivista Physical Review Letters. Quello che segue è un estratto di Chunlei Guo, professore associato di ottica presso l’Università di Rochester:

Abbiamo sperimentato il modo ultra-veloce di cambiamento laser dei metalli, e abbiamo visto che cosa accadrebbe se il laser si punta su un filamento. Abbiamo sparato il fascio laser attraverso il vetro della lampadina e modificato una piccola area del filamento. Quando si accende la lampadina, si potrebbe vedere questa correzione che porta il resto del filamento ad essere chiaramente più luminoso, senza alcun cambiamento di energia nel bulbo.

La chiave per la creazione del super-filamento è un ultra-breve e ultra-intenso fascio di luce laser chiamato impulso laser al femtosecondo. Il laser dura solo pochi quadrillioni di secondo. Per comprendere di che tipo di velocità si tratta, si consideri che un femtosecondo è come un secondo paragonato a circa 32 milioni di anni. Durante il suo breve scoppio, il laser scatena tanta energia quanto  l’intera rete elettrica del Nord America concentrata in un singolo punto. La forza modifica la superficie del metallo e forma nanostrutture e microstrutture che alterano in modo efficiente il filamento.

Oltre ad aumentare la luminosità di una lampadina, il processo di Guo può essere utilizzato per regolare il colore della luce. Questo serve perché la luce delle lampadine odierne, essendo bianca, per poter essere cambiata ha bisogno di filtri che riducono l’efficienza della lampadina stessa. Cambiando il filamento con lo stesso procedimento di prima, esse cambiano anche colore senza risentirne in luminosità.

Fonte: [Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>