La riforestazione può mitigare la lotta ai cambiamenti climatici

di Redazione 4

Gli scienziati dell’Università dell’Oklahoma e dell’Università Fudan di Shanghai, in Cina, hanno scoperto che il rimboschimento e l’imboschimento (la creazione di nuove foreste) possono ridurre il potenziale dei boschi di diminuire i cambiamenti climatici. Yiqi Luo, professore di ecologia al College UO delle Arti e delle Scienze, Dipartimento di Botanica e Microbiologia, e Changzhang Liao, Bo Li e Changming Fang, docenti di ecologia presso l’Università Fudon, Dipartimento di Ecologia e Biologia Evolutiva, hanno esaminato se le piantagioni possiedono lo stesso stock di carbonio degli ecosistemi delle foreste naturali.

In sintesi 86 studi sperimentali tra le piantagioni e le loro controparti, le foreste naturali, hanno dimostrato che le riforestazioni riducono in modo sostanziale gli stock di carbonio negli ecosistemi rispetto alle foreste naturali.

Queste diminuzioni delle scorte di carbonio degli ecosistemi dovrebbero essere considerate, insieme ad altri prodotti forestali come il legno raccolto, quando l’attenuazione totale del rimboschimento viene valutata.

ha spiegato Luo. Questo studio sfida l’idea che la crescita di specie non indigene o il potenziamento di quelle native nel territorio forestale faccia ottenere rendimenti maggiori sul recupero del carbonio dall’aria. Essi si dicono contro la sostituzione delle foreste naturali con il rimboschimento, notando che già soltanto l’imboschimento può contribuire ad evitare il cambiamento climatico.

I boschi artificiali creati sui campi non boschivi come i terreni agricoli danno una grossa mano con il controllo delle emissioni di carbonio. Tuttavia, la conversione dei terreni agricoli in foreste diminuisce la quantità di carbonio assorbita dal terreno. Un’altra forma di gas, il metano, è anche interessata dalla trasformazione. Il terreno convertito infatti perde l’80% della capacità di attenuare il metano, rispetto alle foreste naturali quando è in corso un rimboschimento.

Per ridurre al minimo gli effetti negativi di tale operazione, adeguate pratiche di gestione forestale devono essere adottate. La preparazione del sito senza bruciarlo, per esempio, porta alla minor perdita di carbonio dal suolo rispetto agli incendi controllati. Per evitare il degrado degli ecosistemi associati con l’imboschimento, alcune misure di ripristino devono essere attuate per spingere gli ecosistemi verso le loro potenzialità naturali.

Il passaggio da foreste naturali in piantagioni può anche generare altri problemi ecologici. Per esempio, la densità apparente del suolo, che rappresenta il grado di compattazione del suolo, aumenta, eventualmente abbinata a sistemi di limitazione del radicamento e della distruzione della struttura del suolo nelle piantagioni. Il lato positivo è che le piantagioni sono in grado di fornire materie prime per i bisogni umani (per esempio, il legno). Quindi, ora siamo di fronte ad una grande sfida per sviluppare una politica di gestione per la pratica del rimboschimento che riduce al minimo gli impatti negativi sugli ecosistemi, ma eleva il loro valori delle merci

conclude Luo. I risultati di questa ricerca sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica PLoS ONE.

Fonte: [Sciencedaily]

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.