Smog in Cina, a Shijiazhuang auto vendute solo a chi vince la lotteria

di Matteo Carriero Commenta

Lo smog in Cina continua ad attestarsi su livelli assolutamente folli. Negli ultimi mesi Pechino a continuato a infrangere record su record, ma naturalmente l’emergenza non è solo nella capitale. Gravissima anche la situazione a Shijiazhuang, della provincia di Hebei. Qui la vendita di auto è vietata, e il permesso di immatricolazione rilasciato solo a chi vince la lotteria.

Non smettono mai di arrivare storie al limite dell’incredibile dalla Cina. L‘inquinamento nella superpotenza asiatica ha raggiunto livelli inauditi, e le contromisure estemporanee (mancando una vera volontà riformista) sono spesso sorprendenti. Tempo fa sono stati vietati i barbecue. Sono state regalate lattine d’aria fresca, provocatoriamente, da un noto miliardario. Si è fatto di tutto e di più. Ora, a Shijiazhuang, capitale della provincia Hebei, lo smog è talmente pervasivo che le auto non possono più essere vendute liberamente.

Le famiglie a Shijiazhuang non possono possedere più di due automobili. Il limite massimo di immatricolazioni non può superare le 100 mila unità e si va a decrescere: nel 2015 saranno 90 mila le nuove auto. Ma come fare a decidere chi potrà acquistare una vettura e chi no? La soluzione, ancora una volta, è piuttosto eccentrica, anche se in una situazione così insensata risulta perfino ragionevole.

I permessi di immatricolazione nella capitale della provincia Hebei saranno distribuiti a chi vincerà una lotteria. E, col passare degli anni, se si continuerà con questa politica, i biglietti vincenti saranno sempre di meno.

La situazione in Cina è davvero drammatica: nella provincia di Hebei vi sono sei delle dieci città con il maggior inquinamento atmosferico di tutta la Cina. Vivere in questi luoghi espone a enormi rischi per la salute, che non tardano a manifestarsi (è noto il drastico incremento di ricoveri di bambini per patologie delle vie respiratorie). La Cina deve cambiare, e non può certo farlo a suon di lotterie. Quando vedremo approvate delle politiche (delle vere politiche) ambientali? Al momento, rispondere alla domanda è davvero difficilissimo.

Photo credits | Sjors Provost su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.