Ora legale, ecco quanta energia si risparmia spostando le lancette

di Matteo Carriero Commenta

L’ora legale sta per scattare: ecco quanta energia si risparmia spostando le lancette. Numeri di primissimo piano, che andrebbero tuttavia accompagnati sempre da piccole pratiche di risparmio energetico nel corso dell’intero anno da parte dei cittadini.

L’ora legale è ormai alle porte: nella notte fra il 30 e il 31 marzo, infatti, le lancette dei nostri orologi dovranno essere spostate un’ora avanti per adattarsi ai cambiamenti stagionali. Ma cosa cambia in termini di risparmio energetico e quindi ecosostenibilità, con un’ora di luce solare in più?

Se ne è parlato al MCE, ovvero in occasione della mostra convegno Expocomfort: riferendoci al 2012, il risparmio in termini monetari per la mancata illuminazione collegata allo scattare dell’ora legale è stato pari a 102 milioni di euro, per una riduzione complessiva di 650 milioni di kwh (nell’arco di 7 mesi), ovvero 613 kilowattora. La pratica del cambio dell’ora fu proposta in primo luogo da Benjamin Franklin nel lontano 1784, ma attuata su larga scala in Inghilterra solo a partire dal 1916.

Il risparmio energetico tuttavia è sempre possibile e non bisogna mai dimenticarlo: l’ora legale fa tanto per l’ambiente con la sua riduzione dei consumi di energia, ma una società più ecosostenibile si costruisce con l’apporto dei singoli individui. Inoltre, non smettiamo mai di ricordarlo, la riduzione dei consumi energetici fa bene tanto all’ambiente quanto al portafoglio. Una pratica virtuosa in ogni senso.

Una possibilità di risparmio energetico è data, per esempio, da un’attenta scelta degli elettrodomestici e degli apparecchi elettrici: apparecchi che consentono di consumare di meno, come un condizionatore ad alta efficienza dotato di inverter, che riduce i consumi elettrici del 30%, a lungo termine premiano sempre gli acquirenti, a vantaggio anche dell’ambiente. Lo stesso discorso vale anche per caldaie, scaldabagni e ogni genere di elettrodomestici. Naturalmente anche la sostituzione delle vecchie lampadine a incandescenza con le nuove a risparmio energetico, per chi ancora non lo avesse fatto, è un’ottima idea.

Oltre a questo valgono sempre i tanti consigli di accortezza, che spaziano dallo spegnere le luci al mantenere chiusi gli ambienti per aumentare l’efficacia dei climatizzatori, dal limitare l’utilizzo dei phon al necessario allo spegnimento dei pc e dei computer portatili quando non utilizzati.

Photo credits | pizzodisevo su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>