Acqua, perché scegliere quella del rubinetto

di Valentina Ierrobino 7

Da un’indagine compiuta da Legambiente è emerso che gli italiani sono primi in Europa per il consumo di acqua minerale in bottiglia, e terzi al mondo.
Questo vuol dire 910mila tonnellate di anidride carbonica e gas serra immessi nell’atmosfera per la produzione di circa 350mila tonnellate di PET e un altro quantitativo di CO2 non quantificabile per il trasporto su strada, considerando che solamente il 18% delle bottiglie di acqua minerale viaggia su rotaia e che ogni anno 480mila tir si spostano lungo il Paese per trasportare casse di acqua minerale.

Perchè preferire l’acqua del rubinetto? Perché è una scelta ecosostenibile.
Gli italiani sembrano aver intrapreso questa strada per assicurare ai loro figli un futuro sostenibile, visto che il 74% ha dichiarato di aver bevuto negli ultimi 12 mesi solo acqua di rubinetto filtrata o non trattata. E’ quanto emerge dal rapporto Cra Nielsen 2010 di AquaItalia (Associazione delle aziende costruttrici e produttrici di impianti per il trattamento delle acque primarie).

I consumatori di acqua dal rubinetto sono consapevoli che i controlli effettuati sulla rete idrica sono maggiori e più frequenti che nell’acqua minerale in bottiglia, come conferma il Water Safety Plan, il Piano di Sicurezza per l’Acqua realizzato dal Centro di Ricerche in Bioclimatologia Medica, Biotecnologie, Medicine Naturali e Talassoterapia dell’Università di Milano.

Bere l’acqua dal rubinetto significa risparmiare fino a 250 volte in emissioni di CO2 e gas serra: ogni 100 litri di acqua dal rubinetto costa all’ambiente 0,04 Kg di CO2. La convenienza è anche nel prezzo, come ha affermato Pietro Laureano, esperto Unesco nella lotta alla desertificazione

L’acqua minerale viene commercializzata ad un prezzo più di 1.000 volte del costo di quella di rubinetto. Quello che fornisce il rubinetto è quello che ci è necessario: solo acqua bevibile, bene comune a tutti gli organismi.

Questo il rapporto di prezzo tra acqua pubblica e acqua minerale, almeno fino a quando l’acqua non verrà privatizzata.

[Fonte: Ansa]
[Foto: polis-lab; consumatore.tgcom]

Commenti (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.